Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.789.142
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 08 ottobre 2021 alle 14:07

Calcio Lecco: al Rigamonti Ceppi arriva il Padova capolista

OTTAVO TURNO
LECCO – PADOVA AL RIGAMONTI-CEPPI DOMANI, SABATO, ORE 17,30


Il Lecco si prepara a ospitare il Padova capolista.
Domani sul sintetico del “Rigamonti-Ceppi” (17.30) andrà in scena una sfida dai sapori antichi, visto e considerato che le due compagini hanno cominciato a duellare giusto sessant'anni fa. L'attualità parla di un Padova in testa al gruppo e di un Lecco che deve dare risposte dopo la sconfitta di Fiorenzuola. Per gli aquilotti, scivolati al sesto posto a quota 12, quella di domani sarà già una gara delicata. In questo inizio di campionato il rendimento dei blucelesti è stato alterno, con netta differenza tra partite esterne e interne. Fuori casa i ragazzi di mister Zironelli hanno perso tre volte su quattro, esprimendosi a sprazzi. Le sconfitte sono maturate per demeriti propri ma anche per cattiva sorte o rigori dubbi. Resta il fatto che in trasferta il Lecco, Gorgonzola a parte, non è ancora riuscito a sciorinare le proprie qualità.  La partita con il Padova rappresenta dunque un crocevia importante per i blucelesti che, almeno nella “comfort zone” del Rigamonti-Ceppi, non hanno mai fallito il bersaglio, centrando tre successi su tre.  
“Dovremo essere spensierati e non snaturarci di fronte a una squadra molto forte come il Padova – ha affermato mister Zironelli nella conferenza stampa – Sarà essenziale mantenere equilibrio, compattezza, tenendo presente le cose che non hanno funzionato, i nostri difetti ma anche i nostri pregi, senza però trastullarci come è accaduto domenica a Fiorenzuola dove abbiamo subito le ripartenze dei padroni di casa. L'obiettivo è fare una bella figura davanti al nostro pubblico e, ovviamente, ottenere qualche punto”.    
Il tecnico vicentino ha rivolto poi un elogio ai giovani blucelesti
“Mi fa piacere notare che dei dieci gol finora messi a segno, sette sono stati siglati da ragazzi del 2000 e 2001. Ed abbiamo in rosa altri giovani interessanti che si ritaglieranno i loro spazi. Dobbiamo far crescere gli under,  senza però attribuire loro eccessive responsabilità. L'ambiente è bello, remiamo tutti dalla stessa parte e i cosiddetti “vecchi” stanno dando una grossa mano ai ragazzi. Il minutaggio fa parte della regola. Ho sposato il progetto di crescita dei giovani, portato avanti dal diesse Fracchiolla e da patron Di Nunno” .
Domenica scorsa il Padova è stato fermato in casa da un combattivo Seregno (1-1) che ha così interrotto il filotto di sei successi consecutivi dei biancoscudati . In trasferta il ruolino di marcia dei veneti mostra un percorso netto: tre vittorie su tre ottenute a Renate (3-0), Legnago (4-0), Busto Arsizio (2-1). I patavini, a quota 19, mantengono la testa della classifica con un vantaggio di tre punti su Sudtirol (una gara in meno) e Albinoleffe. Sedici  gol fatti (miglior attacco del girone) e quattro subiti (seconda miglior difesa).  
La squadra allenata da Massimo Pavanel,   annovera diversi giocatori che hanno militato in A e B,  tra i quali il portiere Antonio Donnarumma (fratello di Gigio), i difensori Valentini,  Monaco, Gasbarro, Curcio,  Andelkoiv ( 84 partite in A con il Palermo) i centrocampisti Germano,  Ronaldo, Jelenic, Busellato, gli attaccanti Cissè, Terrani (ex Como).  Nicastro, Ceravolo (85 gol in carriera e  presenze in A con Reggina, Benevento, Parma) e l'ex Monza Chiricò. Come accennato, il Padova ha subito domenica scorsa il primo stop parziale, pareggiando 1-1 all'Euganeo con il neopromosso Seregno che ha conquistato il pareggio con un gol di Cocco al 79' . I padroni di casa erano passati in vantaggio al 13' con Santini.  Questa la formazione iniziale varata da Pavanel: Donnarumma, Kirwan, Valentini, Monaco, Curcio, Della Latta, Ronaldo, Busellato, Santini, Chiricò, Ceravolo. Modulo 4-3-3.    
 “Ha perso soltanto due punti in questo inizio di campionato ed è una formazione completa in grado di giocare con diversi moduli, dal 4-3-3 al 3-5-2 – ha detto Zironelli riferendosi alla compagine veneta – Possiede nove attaccanti in rosa e non lamenta punti deboli. La scorsa stagione ha vinto il girone B a pari merito con il  Perugia. Nel mercato estivo si è rafforzata nei  reparti. Per noi sarà un buon test per capire dove possiamo arrivare. In classifica dobbiamo restare attaccati al gruppo di testa. Spero di vedere un bel pubblico, adesso che è stata approvata la norma del 75% di capienza. Abbiamo bisogno dei tifosi e questo ritorno alla normalità sta aprendo il cuore di tutti”.         
Domani il Lecco dovrà fare a meno dello squalificato Lora  e dell'infortunato Battistini.  Non ci sarà neppure Lakti convocato dal ct albanese Under 21 Alban Bushi. Per contro, sono stati recuperati Purro, Morosini e Sperandeo che saranno quindi iscritti nella lista dei convocati.
Arbitrerà Mario Cascone di Nocera Inferiore.

Le altre partite dell'ottavo turno: Pro Vercelli-Feralpi Salò, Albinoleffe-Lecco, Legnago-Pergolettese, Pro Sesto-Pro Patria, Seregno-Mantova, Sudtirol-Giana, Trento-Fiorenzuola, Vecomp Verona-Triestina, Piacenza-Juventus U23.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco