Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.119.633
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 12 ottobre 2021 alle 14:37

Introbio: mucche in discesa, transumanza verso casa dopo un'estate in Val Biandino

Fine della stagione in alpeggio per le mandrie che hanno trascorso l’estate in Val Biandino. Questa mattina presto le vacche delle tre aziende agricole di stanza in quota hanno iniziato la discesa: quelle dei Doniselli e dei Platti tornano a Pasturo mentre quelle dei Pomi rimarranno ancora “fino a sabato nei maggenghi sopra a Vimogno di Primaluna - ci spiega Mauro - Quest’anno c’è poca erba, a causa del tempo con i suoi sbalzi termici e dei cinghiali che hanno distrutto il terreno”.

VIDEO



Com’è andata la stagione?
“Per quanto riguarda la produzione del formaggio io posso dire che è di buona qualità”.
Avete avuto un buon flusso di clienti?
“Sì, un po' meno rispetto lo scorso anno: subito dopo il primo lockdown saliva moltissima gente, diciamo che quest’anno siamo tornati alla normalità del pre covid”.




Quanti vitelli sono nati?
“Le mie vacche hanno partorito 12 vitelli, in totale sono nati 22 piccoli per le tre aziende”.
Appesi i campanacci più grossi questa mattina siete partiti per la discesa.
“Sì questi campanacci, per nostra tradizione, vengono appesi alle vacche che sono sempre davanti nella transumanza, in questo modo le altre sentono il suono forte e le seguono”.





Di buon passo, dunque, con le capo mandria davanti, le mucche hanno percorso a ritroso la strada verso valle compiuta in salita a inizio stagione. Queste montagne che per quattro mesi sono state la casa di Mauro e degli altri malgari si spopolano fino alla prossima primavera quando, come sempre, sarà di nuovo tempo di transumanza per riportare gli animali dove l’erba è più verde, l’aria fresca e pulita.
M.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco