• Sei il visitatore n° 189.828.724
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 15 ottobre 2021 alle 11:18

Introbio: l'ANPI ricorda i partigiani fucilati 77 anni fa e i caduti di quel drammatico autunno d'occupazione

Questa mattina alla presenza dell’Anpi Lecco e della Valsassina, delle istituzioni locali e di una rappresentanza della scuola primaria, è stata celebrata ad Introbio la commemorazione del sacrificio dei partigiani uccisi 77 anni fa a seguito del rastrellamento Nazifascista.

Il presidente dell'Anpi Enrico Avagnina

La guerra partigiana ha inizio sulle nostre montagne dopo l’8 settembre 1943: nel maggio '44 si organizza in Valsassina la prima brigata con una struttura di tipo militare e di guerriglia. E' la 40° Matteotti. I tedeschi in risposta organizzano subito un rastrellamento a tappeto: lasceranno la Valsassina dopo 15 giorni di terrore. Nel frattempo a giugno il C.V.L. (Corpo Volontari Libertà) si era costituito a Milano in forma unitaria con le rappresentanze politiche: lancia l'appello a tutti gli italiani di ogni fede politica e religiosa perché si uniscano nella lotta contro occupanti tedeschi e la Repubblica di Salò. A settembre del '44 si costituiscono le Brigate Garibaldine. In Valsassina, in Val Varrone, sulle Grigne e nelle valli bergamasche operano tre brigate: la 55° Rosselli, la 89° Poletti e la 86° Jessel. I partigiani così organizzati compiono azioni militari contro i presidi e le caserme fasciste a Ballabio, a Colico e a Bellano.

Ma puntualmente nell'ottobre del '44 cinque divisioni di montagna tedesche, armate di tutto punto, iniziano un secondo rastrellamento con l'ordine di distruggere le basi dei partigiani che di fatto erano i rifugi alpini e le baite dei fiancheggiatori. Tutte le strade di comunicazione verso la Valsassina sono occupate e presidiate dai tedeschi: praticamente il territorio è accerchiato. Non ci sono alternative, i partigiani della I e II divisione con i loro comandanti stremati dalle fatiche, con parecchi malati, si defilano attraverso i sentieri di montagna innevati e vanno verso la Svizzera ma molti sono i combattenti che verranno fermati e fucilati a Introbio, a Barzio e a Maggio. Nel novembre del '44 arriverà anche il proclama di Alexander , inascoltato perché fin dall'inverno a piccoli gruppi la 55° Rosselli si riorganizza.

“Ma non ci fu solo questa Resistenza, dalle ultime ricerche che i nostri storici stanno svolgendo negli archivi di stato risulta che: i deportati Valsassinesi sono circa 350 di questi 12 si trovarono sul treno 81 lo stesso che trasportò il Beato Teresio Olivelli e il fratello del Presidente Pertini, Eugenio ucciso il 25 aprile del 45 a Flossemburg; dei valsassinesi deportati circa 50 sono morti nei lager; i valsassinesi registrati dall'OVRA nel Casellario politico centrale furono 24 di cui 3 parroci” spiega Enrico Avagnina, presidente Anpi Lecco. “Fin dal 1943, prima le bande e poi le brigate partigiane erano sottoposte ad una pressione brutale perché questo territorio, era stato sempre considerato dai tedeschi e dalle GNR una possibile via di fuga, in considerazione che nel '44 ormai si prevedeva una brutta fine per loro visto l'evolversi della guerra in Europa”.

Giuseppe Amati mentre legge il proprio intervento

La logica di questa violenza è che il terrore, la paura, la vendetta devono essere sparsi a piene mani in modo che la popolazione si rinchiuda nelle case o passi con i fascisti o comunque in nessun modo sia sostegno di popolo alle azioni partigiane. “Ma questo non avvenne, per questo dobbiamo ricordare anche una altra Resistenza delle donne, di settori della società civile che nonostante la brutalità di questa occupazione, anche qui in questo pezzetto d'Italia , con l'intreccio di dialetti e di lingue che si creò in quei giorni, gettarono le basi per la costituzione di una nuova comunità ed un nuovo Stato, cercando di dare corpo al comune desiderio di pace, di lavoro e di un mondo più giusto e senza soprusi” prosegue Avagnina.

“Per la nostra associazione essere qui anche dopo molti anni è un dovere verso le nuove generazioni perché per noi fare Memoria come prevede il nostro statuto non è soltanto rivolgere un doveroso tributo al sacrificio dei partigiani caduti , ma significa soprattutto diffondere lo spirito antifascista e di conseguenza antirazzista che animò il coraggio e le scelte , delle donne e degli uomini che con la loro Resistenza liberarono l'Italia dall'oppressione nazista e fascista. Trasmettere memoria vuol dire costruire relazioni tra le persone e soprattutto tra le generazioni, l’antifascismo oggi è la difesa della democrazia da qualsiasi forma aperta o strisciante di autoritarismo, dai nuovi razzismi, dalla negazione della storia. Significa non chiudersi nella difesa dei nostri privilegi ma scegliere di nuovo di difendere gli ultimi, accogliere i più deboli perché diventino cittadini a pieno titolo, significa sostanzialmente applicare la nostra Costituzione. Significa condannare sempre il fascismo ed insegnare come esso sia un disvalore che si basa su una idea sbagliata della convivenza umana , quella in cui esistono uomini e sottouomini, sommersi e salvati, in cui il diritto della forza prevale sulla forza del diritto.

Al microfono il sindaco di Introbio Adriano Airoldi

Quello che ci sentiamo in dovere di fare, per una nuova rinascita della Nazione è indicare quello che per noi rimane il programma politico, entrato in vigore il 1 gennaio del 1948, è la nostra Costituzione “un documento tra i più avanzati che aggiunge ai diritti politici i diritti sociali ed integra l'affermazione di principi con indicazioni precise ai Governi per la loro attuazione”. Perché come ha detto il nostro presidente Mattarella “non cerchiamo tante definizioni, il fascismo è tutto il contrario di ciò che c’è scritto nella Costituzione e viceversa”. Per tutto ciò la nostra gratitudine vada sempre a quelle donne ed a quegli uomini che fecero la lotta di Liberazione generosamente pensando al nostro futuro" conclude il presidente Anpi Lecco nel ricordo di questa giornata.

Dal canto suo, Giuseppe Amanti dell'ANPI Valsassina ha letto uno stralcio del diario del tenente degli alpini Giovanni Tedeschini. "La resistenza è stata una cosa che qualcuno da vero eroe ha affrontato e ci ha dato la libertà di cui godiamo oggi" ha chiosa infine del sindaco Adriano Airoldi.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco