Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.715.282
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 17 ottobre 2021 alle 08:16

Mandello: una messa per i 100 anni della scuola S. Giovanna Antida

Una messa, presieduta nella concelebrazione da mons. Dante Lafranconi vescovo emerito di Cremona, la presenza dei sindaci Riccardo Fasoli di Mandello, Silvano Stefanoni di Lierna e dell'assessore alle Politiche della famiglia di Regione Lombardia Alessandra Locatelli, nonchè le religiose, gli studenti attuali e quelli del passato, tutto per la giornata di festa dell'Istituto scolastico Santa Giovanna Antida di Mandello che ieri, sabato 16 ottobre, ha raggiunto il secolo di vita.



Nato nel 1921, era stato fortemente voluto dall'allora arciprete della parrocchia di San Lorenzo don Bai Rossi, con il preciso intento di offrire alle famiglie l'educazione cristiana dei figli: il 1° novembre di cento anni fa apre dunque la scuola elementare presso l'oratorio maschile in via Bertola e la materna, sempre a Mandello del Lario, in via Monastero, in un complesso in cui anche le suore dell'ordine di Santa Giovanna Antida Thouret avevano la loro abitazione.




Qui parte la storia, fatta non solo di muri, banchi, cattedre, ma una vera e propria fucina votata all'insegnamento in un contesto cristiano cattolico. “Sempre con l'obiettivo di contribuire a formare persone capaci di libertà responsabile", come ricordato dalle parole rivolte ai fedeli nel corso dell'omelia da mons. Dante Lafranconi, che con il concelebrante don Vittorio Bianchi, entrambi mandellesi e compagni di seminario, si formarono in gioventù presso questa scuola.




La storia racconta che con il passare degli anni, nel 1948, venne acquisita da parte dei superiori dell'Ordine delle Suore la Villa liberty situata in via Manzoni, di proprietà del Senatore Giorgio Enrico Falk. Per i mandellesi era “il Villone”, divenuto dimora delle religiose della Carità con il nome “Villa Regina Pacis” autorizzata nella sua apertura dall'allora vescovo di Como Felice Bonomini. Negli anni Sessanta, una nuova svolta caratterizza questa storia centenaria: nelle immediate adiacenze della costruzione in stile liberty, si innalza, al civico 40 di via Manzoni, un funzionale edificio a cinque piani di moderna concezione che andrà ad ospitare la scuola materna, le elementari e le medie, dotate di mensa e spazi dedicati alla didattica e ai momenti ludici.




Nasce così l'Istituto Santa Giovanna Antida. Una realtà sempre in crescendo, che grazie al personale religioso e laico ha percorso questo lungo tratto formativo votato a creare e crescere gli adulti del domani, guidati dal motto “Solo chi ama educa”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco