Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.214.582
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 17 ottobre 2021 alle 21:00

Margno: picchiato al piazzale della funivia. Un 19enne portato dagli amici in ospedale

All'ospedale di Lecco è arrivato accompagnato da alcuni amici che lo hanno caricato in macchina e, a rotta di collo, hanno percorso il non breve tratto di strada che separa Margno dal nosocomio del capoluogo. Una trentina chilometri, sia che abbiano imboccato la sp62 sia che abbiano scelto la ss36. Al Manzoni il ragazzino - 19 anni appena, di Casargo - è stato preso in carico dai medici che, prestate le prime cure del caso, lo hanno tenuto poi in osservazione. Con ogni probabilità già nelle prossime ore dovrà essere sottoposto ad un intervento di chirurgia maxillo-facciale per provare a rimediare ai traumi subiti, concentrati in particolare, da quanto sembra, nella zona degli occhi e della mandibola, dove a questo punto è stato centrato da almeno uno dei colpi ricevuti. Perchè, ebbene si, all'origine della corsa dall'Alta Valle al presidio di via dell'Eremo ci sarebbe proprio l'ennesimo pestaggio avvenuto in provincia, dopo gli episodi violenti che a più riprese hanno interessato Lecco città. Nottetempo dei giovanotti - da quanto è stato possibile apprendere fino ad ora - sarebbero venuti alle mani sul piazzale della funivia. Ad avere la peggio è stato - a questo punto - proprio il 19enne i cui amici, anzichè comporre subito il numero unico per le emergenze, hanno preferito accompagnarlo loro stessi in pronto soccorso, segnalando poi alle forze dell'ordine l'accaduto. Un aiuto per le indagini potrebbe forse venire dagli occhi elettronici che potrebbero aver immortalato il fattaccio.
M.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco