Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.003.640
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 23 ottobre 2021 alle 11:15

Replica a Cittadini Uniti: sugli immobili e le scuole parlano i fatti

Marco Ghezzi
La nota di Cittadini Uniti per Calolziocorte presenta numerose lacune e valutazioni che non corrispondono a verità. Poiché preferiamo parlare coi fatti, si precisa che tutti gli edifici di recente costruzione, con meno di 70 anni, compresa quindi la ex scuola di Sala, sono esenti da qualsiasi vincolo e non c’è bisogno di alcun preliminare iter autorizzativo.
Riguardo poi al fatto che alcuni edifici comunali, poco più di 5 (cui si aggiungono le scuole di Sala e Rossino, chiuse recentemente) sono in stato di abbandono da anni, ci chiediamo quali di questi siano stati ristrutturati dalla precedente Amministrazione, che se non sbaglio era guidata proprio da Cittadini Uniti per Calolziocorte (detto in modo più trasparente da PD e alcune liste civiche di area). Al nostro arrivo non abbiamo trovato progetti e nemmeno programmazioni serie. Tanto meno le risorse economiche necessarie per portarle avanti. In questi tre anni, buona parte dei quali passati a gestire la pandemia, questa Giunta (e qui ci limitiamo agli immobili comunali) ha riqualificato e arredato uno spazio nel sottopiazza Vittorio Veneto, ora affidato alla Proloco, e ha completamente ristrutturato e arredato una palazzina alla ex Sali di Bario, che sarà la nuova sede della Polizia locale e della Sala Civica.
L’Amministrazione sta poi partecipando a un bando regionale (500.000 euro) per riqualificare l’ex scuola di Rossino a housing sociale, spaccio alimentari per la frazione, spazio per medico di base o ufficio comunale. Quanto alla ex ASL di piazzale Kennedy è stata candidata in Regione da questa Amministrazione a diventare la Casa delle Comunità di Calolziocorte. L’alternativa è un ampliamento del Poliambulatorio, che al momento per la verità ha migliori chance di essere scelta da Regione, per motivazioni che la Giunta condivide.
Anche il parcheggio interrato alla Stazione, mai aperto nemmeno durante la giunta di Cittadini Uniti, è oggetto di un intervento (il progetto è in fase di completamento) che si concretizzerà nel 2022. L’unico immobile davvero difficile da rigenerare è l’ex Cinema Manzoni. Ci abbiamo provato ma con scarso successo per la collocazione infelice. Infine il parcheggio e tutta l’area intorno al monastero del Lavello sono oggetto in questi mesi di un intervento che riqualificherà completamente la zona.
Quanto alle scuole, parlano le cose fatte e quelle in corso di realizzazione. Il piano c’è ed è ben dettagliato. Alla fine dell’intervento non ci saranno più tetti in eternit sulle scuole di Foppenico e Pascolo (nell’edificio della materna è stato rifatto il tetto, oltre ad altri interventi di messa in sicurezza contro gli sfondellamenti). A Sala è in corso l’ampliamento del plesso, dopo l’importante intervento di manutenzione straordinaria del 2019-2020, e a Foppenico verrà realizzata una scuola nuova nel triennio 2022-2024 (progetto pronto, finanziamento garantito). Interventi migliorativi sono stati effettuati anche all’Asilo Nido e alla scuola di via Lavello. Tutte le scuole, tranne quella di Lorentino, che non ne ha la necessità, sono state dotate di impianti fotovoltaici.
La spesa complessiva destinata alle scuole sfiora i sei milioni di euro, in buona parte recuperati con finanziamenti che abbiamo dovuto andare a cercare ovunque c’era una possibilità. Attendiamo l’elenco di quanto è stato fatto nei cinque anni di Giunta di centro sinistra per un confronto oggettivo.
Cordiali saluti
Articoli correlati:
22.10.2021 - Ex scuola di Sala: da immobile da abbattere a edificio da valorizzare?
Il sindaco di Calolzio Marco Ghezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco