Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.721.458
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 24 ottobre 2021 alle 14:01

Ricchezza e miseria

La straordinaria, quanto inutile ricchezza del Monte di Brianza.
Ovvero: Regione Lombardia, dove tutto si arena, si ferma e si ingarbuglia

Lo stato attuale delle conoscenze copre molti ambiti rimandandoci un quadro abbastanza completo e, grazie a ricerche condotte da appassionati nel tentativo di dare corpo e concretezza al concetto "conoscere per proteggere", sono emerse peculiarità di grande rilevanza naturalistica e non solo. Per citarne solo alcune: tra i mammiferi possiamo annoverare la presenza ormai stabile del Capriolo; l'avifauna può contare su 150 specie, di cui circa 73 nidificanti, con la presenza di specie di grande interesse conservazionistico come il Gufo reale e altre inserite negli allegati della Direttiva Uccelli della Comunità Europea come il Biancone, noto anche con il nome di Aquila dei serpenti, di recente acquisizione come del resto il Picchio nero. Inoltre, quasi tutti i torrenti del Monte di Brianza vedono la presenza del Gambero d'acqua dolce, specie a grande rischio di estinzione ed inserito nella lista rossa dello IUCN
Anche in campo botanico sono state rinvenute numerose specie protette, fra cui al momento 16 specie di orchidee spontanee, alcune di queste estremamente localizzate, rare quando non addirittura mai precedentemente segnalate sul territorio provinciale, come Epipactis microphylla e Orchis provincialis, inserita in lista rossa IUCN.
In un Paese normale tutto questo sarebbe bastato perché il Monte di Brianza fosse un Parco. O meglio, fosse GIA' un Parco e almeno da molti anni e naturalmente tutto il Monte di Brianza, si intende.
In una Regione normale i Parchi e le aree verdi sarebbero inclusi nell'assessorato dell'Ambiente ma in Lombardia no. Questi sono accorpati ad Agricoltura, Risorse Alimentari e... badate bene, Caccia e Pesca!!!
Una Regione normale si sarebbe già pronunciata circa la richiesta di accorpamento ad un Parco Regionale inoltrata da alcune amministrazioni del Monte ormai alcuni anni fa e consapevoli del grande valore del loro territorio in ottemperanza ad una legge regionale disattesa proprio da chi l'ha licenziata.
In una Regione normale, un assessore che riesca nel difficile compito di scontentare contemporaneamente sia i cacciatori, (vedasi le ultime vicende legate all'inizio della stagione venatoria con il conseguente blocco dovuto ad una serie di pasticci amministrativi e burocratici fatti proprio nel disperato tentativo di favorire gli adepti di Diana) sia il movimento degli ambientalisti con esasperanti attese sui pronunciamenti di cui sopra, sarebbe indotto a farsi da parte, a fare altro o, quanto meno, ad occuparsi solo di agricoltura.
In una Regione normale, ovviamente,
Le Associazioni ambientaliste, le amministrazioni e i Parchi hanno fatto la loro parte con atti politici e amministrativi. E la Regione? Una Regione normale o, almeno degna di questo nome, dovrebbe, con equilibrio, garantire gli interessi di tutti i propri cittadini, non solo alcuni o alcune categorie.
Insomma, cosa si deve fare perché un territorio possa diventare una area protetta? Se non basta aver tenuto a battesimo questo territorio, avere testimonianze storiche, culturali ed architettoniche, oltre alla ricchezza naturalistica di cui dicevamo, cosa si deve fare?
Associazione Monte di Brianza
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco