Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.006.066
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 26 ottobre 2021 alle 16:09

Lecco: dopo la pedalata a Roma, i guanelliani al 'villaggio fantasma' di Savogno

E’ Savogno, villaggio quasi medioevale fuori dal tempo, piccolo nucleo montano nel territorio comunale di Piuro, non lontano da Chiavenna, la meta della prossima “avventura” dei guanelliani di Lecco, dopo aver pedalato per quattro giorni in direzione di Roma per ricordare il decennale della proclamazione a santo del fondatore don Luigi.



Giovane sacerdote, quest'ultimo fu proprio parroco a Savogno, presso la chiesa di San Bernardino dove il 17 gennaio si festeggia il patrono sant’Antonio Abate. Don Guanella è stato lì prima che avvenisse l’abbandono montano, trasformando anche il piccolo nucleo in un abitato fantasma. Il villaggio è posizionato in una valle ripida, che porta alla cima del monte Stella, il più alto culmine in Italia dopo il monte Rosa.



La comitiva guanelliana salirà mercoledì su un tracciato che richiede quasi due ore e che si presenta percorribile in quanto raggiungibile solo a piedi, grazie ad una ripida mulattiera con migliaia di gradini. Il piccolo nucleo è in provincia di Sondrio, ad un’altezza di 932 metri, e si trova a circa cinque chilometri dal confine svizzero, avendo in territorio elvetico il Canton Grigioni.
La salita dei guanelliani, con quaranta partecipanti, assume i contenuti di un “pellegrinaggio” interconfessionale, in quanto vi saranno anche giovani di religione diversa dalla cattolica. A Savogno, nel silenzio del borgo e della natura, con i boschi che si allungano sulla destra geografica della Val Bregaglia, vi saranno momenti di riflessione e di interrogativi reciproci.


Nella sede guanelliana di via Amendola, a Lecco, si possono intanto vedere le foto ricordo della pedalata verso Roma e l’arrivo in piazza San Pietro, in Vaticano, dove era in attesa Liliana Baccari, già prefetto di Lecco dal 2015 al 2019, ora capo dell’Ispettorato Generale di Amministrazione presso il Ministero dell’Interno, al Viminale.
Come già reso noto, nel saluto domenicale dell’Angelus, a mezzogiorno, in piazza San Pietro, dalla finestra del palazzo apostolico, Papa Francesco, nel salutare i gruppi di fedeli e di pellegrini presenti, ha menzionato anche la pedalata in onore di San Luigi Guanella.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco