Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.717.995
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 27 ottobre 2021 alle 10:42

Introbio: in consiglio il progetto per una nuova scuola media e il sentiero di Biandino

Due i punti importanti riguardanti il consiglio comunale svoltosi martedi sera a Introbio, alla presenza di un numeroso pubblico: il primo a proposito di un progetto per una nuova scuola media, progetto ormai diventato pubblico.

"C'è un bando di cui possiamo usufruire fino a 4 milioni di euro (da Regione Lombardia e Fondi Europei) - ha detto il sindaco Adriano Airoldi - per poter costruire una nuova scuola media al posto di quella attuale edificata alla metà degli anni '50, che non ha i requisiti anti-terremoto e quindi sarebbe da sostituire".

La nuova scuola, abbastanza ampia, con un buon numero di classi e la possibilità di ospitare un numero elevato di studenti, fino a 250 alunni, come risulta da previsioni dell'ICS di Cremeno per i prossimi dieci anni, e magari anche un auspicabile biennio delle Scuole Superiori "un biennio che se si farà dovrebbe essere di tipo economico-meccanico, nelle tradizioni della scolarità valsassinese", hanno detto sia il Sindaco che il consigliere delegato al Bilancio Riccardo Benedetti, ha però bisogno di un ampio terreno su cui edificarla.

Il sindaco Adriano Airoldi

"Ci sono dei pre-requisiti indispensabili per ottenere il finanziamento, tra questi la disponibilità per il Comune di un terreno adeguato. Abbiamo chiesto anche agli altri paesi consorziati con noi per la Scuola Media, e cioè Taceno, Parlasco, Primaluna e Cortenova, se volessero approfittare loro del bando, che può essere erogato però a un Comune solo, ma non hanno il terreno (Cortenova al limite proponeva la località Roccolina, dove sorge la scuola elementare).

"Per predisporre un terreno ampio stiamo pensando di acquistare quello limitrofo all'attuale media, di proprietà di Jarno Magni e fratello, dove sorge una casa che sarebbe da demolire, siamo in trattativa".

Su questa idea c'è la convergenza degli altri Comuni citati, che contribuirebbero alle spese di gestione.

Il secondo argomento era la discussione su quanto sta succedendo a Biandino, dove un privato, inizialmente autorizzato a risistemare un sentiero che partendo dalla chiesa della Madonna della Neve portava in alto al Rifugio Santa Rita, si è decisamente allargato, scavando e costruendo sul terreno una strada ciclabile ampia più di due metri e lunga circa seicento.

"Noi chiediamo - ha domandato Lino Artusi, già imprenditore edile e vice Sindaco all'epoca della prima amministrazione Airoldi, candidatosi Sindaco nel 2019 e ora consigliere comunale della minoranza - risposte ad alcune domande precise, su cui abbiamo presentato un'interpellanza. E cioè: come ha fatto a salire in Val Biandino un escavatore, con quale permesso, visto che si tratta di un'area soggetta a vincoli paesaggistici e idrogeologici? C'era qualche permesso dell'Ufficio Tecnico? Chi ha denunciato il fatto e come seguirà una probabile denuncia il Comune?".

In un lungo dibattito a due, Airoldi ha richiamato una missiva del 14 settembre indirizzata dal comune al proprietario del Rifugio Santa Rita, che aveva richiesto un intervento di ordinaria manutenzione del sentiero a sue spese, in cui però si ponevano dei limiti precisi.

"All'inizio io ero anche contento di questo intervento - ha detto Airoldi, ma non mi aspettavo che in solo due-tre giorni si combinasse questo disastro, di cui sono stato avvisato dai Carabinieri della Guardia Forestale. Con il proprietario del Rifugio (ricordiamo che il sentiero è demaniale e la proprietà dei terreni intorno di un'altra persona) avevamo parlato di manutenzione ordinaria, il sentiero doveva essere sistemato ma senza l'ausilio di mezzi meccanici, l'escavatore non era assolutamente autorizzato nè a salire nè tantomeno a operare. Il terreno smosso non doveva finire nei corsi d'acqua limitrofi. Insomma c'erano dei paletti precisi che non sono stati rispettati".

Adesso la questione è in mano alla Procura, che ha bloccato tutti i lavori: il Comune ha ordinato di restituire il sentiero come era prima, vedremo gli ulteriori sviluppi: comunque la minoranza si è dichiarata soddisfatta delle risposte date all`interpellanza.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco