Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.719.751
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 22 novembre 2021 alle 17:10

Lecco: dalla prima elementare non tagliava i capelli, ora a 15 anni uno zac deciso per donare la sua chioma a chi è malato

Non tagliava i capelli dalla prima elementare. Per nove anni solo qualche spuntatina e, forbici alla mano, la cura – in autonomia – di quella frangetta che adesso non vede l'ora di eliminare. Sabato pomeriggio uno “zac” deciso. E festoso. Gaia Riccobene, quindicenne di Lecco, studentessa del Bertacchi – indirizzo Scienze umane base  – si è presentata dalla parrucchiera con un intento preciso: cambiare look per... una nobilissima causa.

I capelli di Gaia prima del taglio: 80 cm dalla cute

Raggiunti gli ottanta centimetri di lunghezza - di un bellissimo color biondo cenere con sfumature naturali da far invidia a chi tra shatush e colpi di sole prova invano a ravvivare la propria chioma – ha deciso infatti di tagliare i capelli per donarli ad un'associazione che realizza poi parrucche per pazienti oncologici. “I miei ricresceranno, per tante persone non è così. Almeno nell'immediato” la leva che ha portato la giovanissima a maturare una decisione non da tutti. “Ci avevo già pensato lo scorso anno ma non ero così convinta e ho aspettato. Anche perché avevo provato a cercare da sola in internet a chi rivolgermi ma non avevo trovato nulla di sicuro: non avendo una conoscenza diretta temevo di incappare in una truffa. Così ho chiesto aiuto alla professoressa Valeria Cattaneo con cui avevo già parlato di questa idea e si ricordava di aver letto un articolo su una ragazza che aveva fatto la stessa cosa. Ho preferito fidarmi di lei, per non sbagliare”.

Sopra la preparazione, sotto il taglio

La scelta è caduta dunque su “Progetto Smile” dell'Associazione Tricostarc, la stessa realtà contattata dalla collaboratrice di Casateonline Martina Besana qualche mese fa, quando anche lei, con convinzione, si è separata dal suo “scudo di capelli” cedendo 38 centimetri all'iniziativa benefica che permette la realizzazione di parrucche naturali, costosissime se acquistate in autonomia. Gaia è andata anche oltre, con un taglio alla nuca.

VIDEO


“Da piccola avevo i capelli corti e li ritenevo fastidiosi. Già da due o tre annetti pensavo però a tagliarli ma solo di recente mi sono detta “ora è davvero arrivato il capolinea””.
Anche perché lavare e “conservare” una simile criniera chiedeva tempo e impegno, tra shampoo, maschera, prodotto per evitare la formazione di nodi e un “phonaggio” infinito capace di rubare anche 30 – 40 minuti ogni volta per un risultato che mettesse al sicuro dall'insorgere di dolorini da umidità dopo quelli legati al “peso” stesso della chioma sul collo. “Prima del lockdown facevo anche uno sport di lotta a terra: nonostante le trecce mi si impigliavano da tutte le parti” racconta sorridendo la lecchese, aggiungendo anche di aver sempre dormito con i capelli lasciati cadere oltre la testata del letto per poter riposare senza... interferenze.

Gaia con in mano le ciocche che saranno donate

Foto alla mano del nuovo look desiderato, sacchetto Ikea nella borsa, dove riporre le ciocche da spedire a Progetto Smile, sabato, accompagnata da un'amica, si è presentata da Shampoo di Anto, in via Capodistria. Primissima volta in quel salone. Ed è stato subito amore con la titolare, ringraziata a più riprese, con squisita riconoscenza, per aver esaudito la sua richiesta.
Prima e dopo lo “zac” nessun ripensamento. “In trentacinque anni che faccio questo mestiere ho visto poche persone felici come te per un taglio” l'ammissione della parrucchiera, a sua volta orgogliosa di essersi prestata a un'iniziativa non così comune.

Durante la realizzazione dell'acconciatura scelta

A lavoro finito. Sotto con la parrucchiera

Il bello ora deve venire. I capelli verranno inviati all'Associazione e “lavorati”. Con la parrucca il ricevente troverà anche un messaggio di Gaia, quindici anni e una... bella testa, indipendentemente dall'acconciatura!
Alice Mandelli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco