Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.715.730
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 23 novembre 2021 alle 08:26

Prefabbricati al Bertacchi: 66mila euro per indennizzare l'azienda che perse l'appalto

Il cantiere per la posa dei prefabbricati
Vale ben 66mila euro il debito fuori bilancio che il consiglio comunale di lunedì sera è stato chiamato a riconoscere. La vicenda risale alla gara indetta per l’installazione nel cortile degli istituti Bovara e Bertacchi dei moduli prefabbricati che hanno ospitato negli ultimi anni gli studenti del liceo Manzoni, impossibilitati a stare nell’istituto di via Ghislanzoni interessato da lavori di ristrutturazione ormai prossimi a volgere al termine.
A spiegare i termini della questione è stato il dirigente Luca Gilardoni: “Il ricorrente ha contestato che il progetto definitivo presentato dall’azienda che poi ha vinto l’appalto non teneva conto della norma UNI su aspetti acustici ma il Comune sostiene che il progetto richiesto dal bando non entrava nel merito specifico della normativa e che sarebbe stato in carico all’appaltatore realizzare la struttura a norma di legge”. In ogni caso il TAR ha dato ragione al ricorrente, condannando Palazzo Bovara a risarcire il ‘danno curricolare’ per 36mila euro e a pagare le spese legali e quelle di verificazione. “Noi siamo convinti del nostro operato e stiamo preparando il ricorso al Consiglio di Stato” ha aggiunto Gilardoni.

“Di fatto il dirigente ci sta dicendo che la contestazione riguarda un requisito che il bando non prevedeva - ha sintetizzato dalle fila della Lega Stefano Parolari -Il ricorrente dice che la sua proposta non è stata valutata per la sua qualità superiore, ma il bando non prevedeva un riconoscimento per questa qualità superiore. Abbiamo qualche possibilità di vincere il ricorso? Speriamo, perché come esito è molto antipatico”.
Il consigliere Corrado Valsecchi ha tracciato invece un parallelo con questioni più contemporanee, legate alla scelta del nuovo municipio: “Un bando del genere, di qualche centinaia di migliaia di euro ha portato ad un giudizio del TAR che ci porta a rimediare con un debito fuori bilancio per decine di migliaia di euro. State attenti - ha detto rivolto alla maggioranza - perché il terreno sul quale state andando su altre questioni si fa molto insidioso, i rischi sono dietro l’angolo, basta poco per sbagliare. La faccenda dei prefabbricati per gli studenti era stata gestita perfettamente e con grande prudenza, ci avevamo messo di più a costruire l’appalto che a realizzare l’opera. Voi state facendo una manifestazione di interesse nella quale manca solo il nome dell’immobile che avete scelto e pensate che nessuno dica niente? Che non ci siano ricorsi, contestazioni, segnalazioni alle autorità competenti?”.
M.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco