Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 142.276.033
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 23 novembre 2021 alle 15:15

Leopolda 11: Italia Viva Lecco presente

Sono tornati da Firenze pieni d'entusiasmo e di passione per la politica i lecchesi che hanno preso parte alla undicesima Leopolda organizzata da Matteo Renzi e Italia Viva. È emersa chiaramente la necessità nel nostro Paese, dopo la sconfitta dei populisti alle ultime elezioni politiche, di un’offerta moderata e realmente riformista seguendo altre esperienze in Europa come ad esempio quella di Macron in Francia. È chiaro che i partiti che oggi fanno riferimento all'area politica di centro devono avere una sinergia reale e immediata, e che se il Partito Democratico continua a proporre una progettualità con i 5 Stelle matematicamente abbandona la casa riformista.



Il Governo Draghi ci ha resi consapevoli dell’autorevolezza di cui l’Italia nel mondo può godere e della necessità per il nostro paese di una vera stagione riformista. Tuttavia ci si dimentica che senza le dimissioni dei Ministri di Italia Viva saremmo ancora con Conte alla guida del Paese. In accordo con ciò sarebbe un errore andare ad elezioni nel 2022 dopo la votazione del Presidente della Repubblica, interrompendo così il lavoro virtuoso che l’attuale governo sta mettendo in atto soprattutto alla luce delle nuove possibilità aperte attraverso il PNRR.
Grande partecipazione anche ai tavoli tematici per le proposte al Governo e gli interventi stimolanti dei Sindaci di diversa provenienza da Beppe Sala, a Dario Nardella, a Marco Bucci. Dichiarato anche il NO ad alleanze con Salvini e Meloni perché l’antieuropeismo che li caratterizza non è cosa che ci appartiene, dato che all’Europa preferiscono parlare con Polonia e Ungheria invece che con Francia e Germania.
Ora, con rinnovato entusiasmo, vista anche la partecipazione numerosa ed entusiasmante con lunghe code per entrare, si riparte da Lecco, con incontri, iniziative e nuovi iscritti.

Per Italia Viva Lecco
Giulia Vitali
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco