Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.717.619
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 23 novembre 2021 alle 17:07

Il calolziese Lorenzo e i ragazzi di PizzAut regalano emozioni in tv a 'Tu si que vales'

Momenti di sincera commozione quelli vissuti nei giorni scorsi a "Tu si que vales", il celebre talent show in onda ogni sabato in prima serata su Canale 5. A far emozionare Gerry Scotti, Maria De Filippi, Rudy Zerbi, Teo Mammuccari e il pubblico presente in sala i ragazzi di "PizzAut", il locale di Cassina de' Pecchi gestito da un gruppo di ragazzi autistici, affiancati da professionisti della ristorazione e della riabilitazione, diventato un esempio di inclusione sociale per i giovani più fragili (e le loro famiglie), per cui il lavoro rappresenta, più che una "terapia", una fonte di speranza per l'oggi e il domani.

VIDEO


Tra di loro anche Lorenzo, 23enne di Calolzio, affettuosamente soprannominato "il teppista" perchè il più "vivace" dello staff di cuochi e camerieri. "Ho da poco imparato a portare tre pizze insieme, da quella volta i clienti mi hanno applaudito a più non posso e mi hanno fatto emozionare" ha raccontato il giovane, alla sua prima apparizione in tv con una parte dei suoi colleghi e Nico Acampora, autore e responsabile del progetto di Cassina de' Pecchi, che ha poi condiviso con i conduttori una sua dote speciale: "Da sempre ho una fissa, se mi dite una data vi so indicare che giorno era della settimana. 7 agosto 1956 (data di nascita di Gerry Scotti, ndr.)? Era martedì!". "Quando era più piccolo lo prendevano in giro per questo, che adesso invece è diventato un gioco con i clienti" ha commentato al proposito Acampora. "Non abbiamo cambiato l'autismo o questa sua fissazione, abbiamo cambiato il modo di percepirlo". "Per me "PizzAut" è come una famiglia" ha aggiunto ancora Lorenzo. "Mi trovo molto bene e sono felice di lavorare lì".


Il calolziese Lorenzo



Se il locale nel milanese aperto nel maggio scorso è ormai ben avviato, tanto che per prenotare uno degli oltre 150 posti a tavola c'è una lista di attesa lunga settimane, l'obiettivo dei fondatori del progetto - che a breve sarà anche premiato con l'Ambrogino d'Oro, il massimo riconoscimento civico della città meneghina - è ora quello di dare il via a un vero e proprio franchising sociale, con l'apertura di un altro esercizio a Monza e poi, chissà, anche altrove in Lombardia e in Italia.


Gerry Scotti, visibilmente emozionato

Del resto, "è vietato calpestare i sogni", come recita una scritta sui grembiuli rossi dello staff del ristorante, che i ragazzi hanno voluto regalare anche a Gerry Scotti e agli altri presentatori del talent, sempre più emozionati di fronte al racconto di Acampora e del suo grande team. A loro, dunque, i complimenti e l'augurio di buon lavoro da parte della squadra di "Tu si que vales" e, idealmente, dell'Italia intera, di cui "PizzAut" è senz'altro uno dei volti più belli ed emozionanti.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco