Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.713.741
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 24 novembre 2021 alle 13:52

Provincia: debito fuori bilancio di 43.878 € per Retesalute. Lega: dubbi sulla vigilanza

Bruno Crippa
La Provincia di Lecco, nella seduta di lunedì 22 novembre, ha deliberato all'unanimità il riconoscimento di un debito fuori bilancio pari a 43.878 euro quale propria quota parte per ripianare i disavanzi dell'azienda speciale Retesalute, della quale ha detenuto il 37% circa delle quote fino al recesso deliberato il 25 giugno 2018 quanto l'Ente ha “perso” le proprie competenze nel campo dei servizi alla persona. A ricapitolare come si è arrivati all'oggi è stato il vicepresidente vicario Bruno Crippa, parlando di un importo dovuto complessivamente dai soci pari a 3.933.000 euro - “una bella cifra” - a copertura delle perdite d'esercizio accertate dal 2015 al 2019. “Si tratta di debiti gestionali” ha puntualizzato il sindaco di Missaglia. “E' avvenuto che si vendevano servizi sociali ai comuni a 80 euro ma il costo era diventato 100” ha detto per semplificare, sintetizzando poi i passaggi che hanno portato, nel maggio scorso, alla messa in liquidazione dell'azienda.
Ricordando come “non è compito nostro” accertare le responsabilità dell'accaduto, Crippa ha infine rammentato come le quote della Provincia dopo il recesso siano state liquidate per 21.000 euro ed ora l'Ente si trovi a concorrere al piano di risanamento per le annualità fino al 2018, per, appunto, quasi 44.000 euro.
Se tecnica è stata la spiegazione resa dal vicepresidente – affiancato dal Segretario Mario Blandino che si è complimentato con lui per la chiarezza dimostrata nell'esporre la questione – politici sono stati gli interventi dei consiglieri che hanno preso la parola per commentare la delibera in discussione.
Paolo Lanfranchi (Libertà è Democrazia) ha ricondotto a un “passaggio dovuto nei confronti dei lavoratori dell'azienda che sicuramente hanno lavorato bene e dei servizi che dovranno essere generati” il riconoscimento del debito fuori bilancio, giudicando l'eventuale malagestione a cui il documento fa riferimento come “un aspetto da approfondire. Personalmente mi sono fatto un'idea sulla svolta in negativo, dovuta probabilmente anche all'ampliamento del bacino che non ha fatto bene all'azienda” ha sostenuto non andando però oltre nell'esplicitare le proprie conclusioni.
“Questo è un passaggio dovuto anche se non scontato” ha detto poi Mattia Micheli (Libertà e Autonomia), citando “valutazioni di opportunità e di consapevolezza nei confronti di un territorio che tramite Retesalute eroga servizi che diventerebbe più complicato garantire. Le valutazioni del passato non importano o meglio non sono oggetto di questa delibera. Oggi quello che preme è dare seguito a una decisione del territorio per fare in modo che i cittadini non patiscano disservizi”.
Doppio intervento per la Lega con quel “dispiace che i cittadini paghino questa cosa” pronunciato da Elena Zambetti ripreso anche da Stefano Simonetti. “Voteremo per senso di responsabilità, per senso istituzionale, in difesa dei lavoratori ma non siamo fessi, non siamo sprovveduti: qualcosa nel sistema di vigilanza non ha funzionato” ha dichiarato convintamente il capogruppo. “Oggi prendiamo soldi pubblici e li usiamo per questo scopo quando potremmo usarli per altro” ha poi aggiunto, ribadendo come a suo avviso occorra “una riflessione seria su cosa non ha funzionato, a più livelli. Se ci sono stati errori, per noi è essenziale vengano sanzionati e non si ripetano più”.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco