Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.718.705
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 24 novembre 2021 alle 15:24

Lecco: i ritratti di Afran in mostra alla Canottieri, dal 27

Afran
Mostra alla Canottieri
per Afran, nome d’arte di uno scultore, pittore e performer della Repubblica del Camerun, che dal 2009 vive e lavora nel lecchese, dove ha stabilito il suo atelier. Il suo campo investigativo racchiude le problematiche identitarie della contemporaneità e gli è valso riconoscimenti internazionali tra cui il premio Liliana Nocera al Museo della Permanente e il San Fedele di Milano. La sua ormai consolidata collaborazione con la Galleria MAEC lo ha inoltre portato nel 2019 a partecipare alla mostra PEI’S WORLD nell’Arsenale di Venezia.
I lecchesi hanno potuto ammirare i primi “colori” vivaci ed esuberanti di Afran intorno alla Casa Guanella e, soprattutto, sul muro della confinante via Porta, lungo il corso del Caldone, uno dei “fiumi” che, scendendo dalle sovrastanti montagne, hanno formato nei secoli la piana alluvionale sulla quale è sorta l’odierna città. Anzi, proprio nel panoramico passeggio lungo il corso d'acqua, Afran ha colto momenti e personaggi che anticipano la ricognizione “aerea” sul territorio, al centro dell’esposizione con ritratti allestita presso la sede della Canottieri Lecco 1895.
Afran è stato come un “drone” che, sorvolando l’abitato fino alla periferia, osservando, andando oltre i confini municipali nei Comuni limitrofi, ha cercato di cogliere, tra la gente, la folla, il pubblico, i protagonisti di una quotidianità che trascende divisioni in ruoli diversi di incarichi per rigenerare un panorama nuovo di identità cittadina proiettata verso tutto il Duemila.
Ed allora, nel lavoro di Afran, i visitatori non mancheranno di cogliere il significato di una ricerca, di un approfondimento che tutti accomuna nel desiderio di un popolo che, rinnovando la storia e le tradizioni, forse in qualche momento dimenticate e trascurate, riprende, guardando al futuro, uno spirito antico, di libertà, di pace e di progresso. La maggior parte dei ritratti è stata realizzata nell’ospitale salone di un noto coiffeur lecchese in corso Martiri della Liberazione.
L’esposizione avrà un semplice vernissage inaugurale alle ore 17 di sabato 27 novembre, presso la Canottieri Lecco; sarà poi aperta tutti i giorni dalle 17 alle 19 sino a domenica 4 dicembre.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco