Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.717.812
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 24 novembre 2021 alle 18:16

Dopo 18 anni il PM Paolo Del Grosso se ne va: ero stanco di affrontare problemi che non avevo i mezzi per poter risolvere

Il sostituto procuratore dr. Paolo Del Grosso
“Me ne vado perché ero stanco di affrontare problemi che non avevo i mezzi per poter risolvere”. Quasi una massima. Così il sostituto procuratore Paolo Del Grosso, saluta Lecco per Torino. Dopo 18 anni di servizio su quel ramo del Lago di Como. Tanti ne sono passati da quel 30 ottobre 2003 quando direttamente da Roma è approdato in città. “Quasi da Guinness per permanenza” scherza, con il record forse minato solo dalla dottoressa Annamaria Delitala che, della Procura nostrana, divenne però poi numero uno. Che sia dunque un buon auspicio per un ritorno da Capo? Mah. “Sapete anche voi come vanno queste cose” taglia corto il diretto interessato (che comunque lascia la famiglia in città). Del resto questo è il momento dei bilanci circa l'esperienza che si chiude e dello slancio verso un nuovo capitolo della propria esperienza professionale ancora tutto da scrivere. “Chi è stato a Lecco può andare da tutte le parti” sentenzia Del Grosso  con doppia allusione. Tanto al livello di qualità che al quinto piano delle blue towers si raggiunge (“e che difficilmente si trova da altre parti”) anche per il costante pungolo del Tribunale e dunque di giudici capaci e competenti che spingono la Procura a dare il massimo. Tanto alla capacità di “sopportazione” che si matura lavorando perennemente sotto stress stante la cronica mancanza di risorse (umane). “La Procura di Lecco è sempre stata difficile, negli ultimi tempi in modo particolare. Nelle parole del mio ex f.f. Cuno Tarfusser ritengo ci sia molto di vero, seppur i concetti espressi sopra le righe: la mancanza di colleghi rende tutto complicato. Questo era un Ufficio molto ben funzionante quando eravamo in quattro oltre il Capo. Lavorava molto e bene seppur già con un organico sottodimensionato. Se manca qualcuno la situazione diventa insopportabile”. E qualcuno è mancato a lungo, a cominciare dal numero uno, con la poltrona rimasta vacante – salvo l'applicazione di facenti funzione a tempo determinato - oltre un anno tra la partenza per Bergamo del dr. Antonio Angelo Chiappani e l'arrivo, solo da qualche settimana, del dr. Ezio Domenico Basso. Senza poi considerare una maternità non coperta e la quarta casella da sostituto riempita attraverso una staffetta di magistrati prestati da altre Procure per non più di tre mesi a volta, dopo l'improvvisa dipartita della dottoressa Laura Siani trovata senza vita proprio dal dr. Del Grosso, particolarmente legato anche al dr. Nicola Preteroti, prematuramente scomparso dopo il trasferimento in terra orobica. “Resterà sempre una persona speciale da ricordare in ogni circostanza”, l'affettuoso pensiero all'amico.
Tornando alla Procura di Lecco, “si poteva fare qualcosa in più per rendere l'Ufficio più funzionale ma ciò era fuori dalla nostra portata” sostiene dunque il magistrato in partenza, parlando di una serie di “fattori di amarezza” che nell'ultimo anno e mezzo lo hanno portato a prendere “una decisione forte”. Di rottura. “Torino mi dicono essere un bellissimo Ufficio” aggiunge. Non nascondendo qualche dubbio sorto poi circa la scelta presa, controbilanciato comunque dall'entusiasmo per essere stato assegnano, presso la Procura all'ombra della Mole, al gruppo reati economici, “materia di cui mi occupo anche qui. O meglio mi occupavo fino a quando non sono stati aboliti i gruppi (di specializzazione ndr) nel luglio scorso. Eravamo troppo pochi e Pepè li ha sospesi: è stata una sconfitta. Siamo tornati indietro di dieci anni e questo non va ovviamente bene”. Del resto il lavorare su temi specifici – è facile comprenderlo - porta a approfondirli e l'approfondimento a una maturare esperienza e una competenza puntuale.
Si attribuisce invece “tanti aggiustamenti e riformine introdotte da f.f.” il dr. Del Grosso, chiamato a reggere l'Ufficio, da sostituto anziano, a più riprese, tra un Capo e l'altro. “Se la Procura di Lecco è ancora in piedi, un po' di merito me lo prendo” e rivendica la paternità dell'introduzione, al trasferimento del dr. Tommaso Buonanno, del calendario annuale con udienze dedicate al singolo PM con la trattazione di fascicoli solo di quel PM, “un vantaggio per noi e per il Tribunale che altri ci invidiano”.
E parlando di “casi” il pensiero corre subito al “numero spropositato di procedimenti” avviati in 18 anni trascorsi ai piedi del Resegone. Pronti via, a pochi mesi sbarco in città, si era trovato contro Antonio Di Pietro per la questione scanner e dunque il processo a tre giornalisti, incluso il direttore di questo giornale, per le comunicazioni tra forze dell'ordine captate via etere, finito con una assoluzione in primo grado ribaltata in Appello con condanna confermata in Cassazione e istanza approdata (invano per i proponenti) poi anche alla CEDU. “Processo interessante”. E poi le operazioni antidroga e l'indagine apripista sul Dark Web e il relativo primo sequestro di bit-coin. Gli arresti - “chissà quanti sono stati” - e i sequestri per i reati fiscali. A lui il merito di aver “smosso le acque” avviando l'azione penale e ottenendo così la bonifica dell'area ex Leuci, dopo le ordinanza sindacali cadute nel vuoto o quasi. Un aspetto sul quale forse Lecco non gli ha espresso la giusta riconoscenza.
“Senza nulla togliere a tutto il resto, non dimenticherà mai gli omicidi”. Sette quelli risolti, due dei quali  - l'assassinio a Paderno di Stefano Vittino e l'uccisione della pensionata torrebusina Maria Adeodata Losa a Sogno - con dibattimento e condanne in Corte d'Assise.
“L'unico grosso rammarico è legato all'omicidio delle prostitute romene” aggiunge citando le tre signorine trovate cadavere tra Morterone e la Valsassina. “In un anno di indagini siamo riusciti a far arrestare tutti i loro sfruttatori ma l'assassino non è saltato fuori”. La voce tradisce dispiacere. E attaccamento ad un mestiere che deve essere sostenuto indubbiamente dalla passione.
“Lecco – ribadisce in chiusura, riferendosi al territorio ma anche alla Procura – è un posto bello. Che meriterebbe altre attenzioni”. Un sollecito, da raccogliere.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco