Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 147.457.643
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 30 novembre 2021 alle 07:55

Lecco: Nigriello presidente del consiglio comunale senza l'appoggio dell'opposizione

Roberto Nigriello
Buona la seconda per il dem Roberto Nigriello che a distanza di sette giorni dalla prima votazione a vuoto è stato eletto alla carica di presidente del consiglio comunale di Lecco durante l’assemblea di lunedì sera. A candidarlo ufficialmente, il collega Antonio Pattarini all’inizio della seduta, una scelta “calata dall’alto” dal Partito democratico, che non è piaciuta alla minoranza. “Questa carica deve essere rappresentata da qualcuno che abbia chiaro il ruolo di garanzia che deve svolgere - ha detto il capogruppo di Appello per Lecco Corrado Valsecchi, che pure aveva votato a suo tempo l’ex presidente Francesca Bonacina - Nonostante la disponibilità delle minoranze, non c’è stata nessuna condivisione, ma è stato imposto il nome, non di certo il più autorevole, scelto nelle segrete stanze dei partiti”.
Anche Filippo Boscagli, che si è sentito “provocato” da Pattarini, ha sostenuto che il percorso poteva essere tutt’altro: “Invece Pattarini ha proposto Nigriello, ma il più alto ruolo della istituzionale della città non può essere deciso in maniera solitaria dal Pd, che dimostra di continuare a fare gli stessi errori che hanno portato alle dimissioni di Francesca Bonacina. Ne prendiamo atto con amarezza”.
Ha rincarato la dose da Forza Italia Emilio Minuzzo: “Non veniteci poi a parlare di condivisione delle scelte se nel momento in cui si poteva dialogare sulla scelta di una figura terza vi arroccate. Piuttosto diciamoci con la massima onestà che non c’è collaborazione ma ognuno svolge i suoi ruoli”.
Lo stesso concetto è stato ribadito da Giacomo Zamperini: “Siamo spiazzati, da una parte il sindaco chiede di lavorare insieme, dall’altra il Pd impone il suo capogruppo come presidente”.
A tentare una difesa dalle fila della maggioranza è stato Alessio Dossi: “Comprendo la richiesta, ma anche Francesca Bonacina non era stata votata da gran parte della minoranza, questa posizione è credibile fino a un certo punto”.  
In ogni caso l’ex assessore allo Sport l’ha spuntata con venti voti a favore e dieci schede nulle e ha lasciato il suo posto tra i consiglieri per prendere quello di presidente del consiglio comunale: “Ringrazio chi mi ha proposto e votato - ha commentato Nigriello - Lascio un ruolo politico per uno istituzionale”. I ringraziamenti sono andati oltre che alla ex presidente Bonacina, anche ad Andrea Corti e Luca Visconti che hanno mandato avanti i lavori del consiglio di presidenza in queste settimane e sono stati confermati nel loro ruolo di vice.
Articoli correlati:
22.11.2021 - Lecco, dimissioni di Francesca Bonacina: entra Pattarini, Nigriello presidente ma... tra una settimana
16.11.2021 - Lecco, presidenza del consiglio: per il PD tre i papabili, il prescelto sarebbe Nigriello
M.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco