Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 147.449.075
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 18 dicembre 2021 alle 08:32

Lecco, taglio piante in via Pasubio: una storia che si ripete

Oggi Via Pasubio a Lecco è tutta un’altra strada. Sono passati vent’anni o poco più dalla piantagione dell’alberatura di bagolaro Celtis australis lungo la strada, una volta finiti i lavori dell’attraversamento di Lecco, ed ecco l’ennesima “rivoluzione del verde” nella città: viene estirpata una intera schiera di piante cancellando definitivamente la connotazione del luogo.
Il progetto (anni '90) era decisamente carente per scelta della specie e spazi disponibili, ma, nel frattempo, gli anni trascorsi, da quando furono collocate, ci hanno regalato piante mature, folte e sane: la fretta dei tecnici comunali, che devono risolvere velocemente gli impicci nella gestione della cosa pubblica, ha sentenziato in due giorni di cancellare l’ennesimo pezzo di patrimonio verde della città.


Il taglio a raso in via Pasubio

Ci si chiede perché non si sia ragionato per conservare il valore botanico e, in generale, ecologico di quella alberatura, attraverso potature mirate per ridare sfogo alla illuminazione pubblica, con lavori di assestamento del marciapiede, delimitando bene e meglio lo spazio vitale dell’apparato radicale come fatto poco più a nord, lungo la via, riconoscendo i benefici che questi organismi viventi ci regalano quotidianamente nel respirare la CO2, nel fare ombra e frescura in estate, nell’offrire riparo a uccelli e insetti.
Anni fa alcuni esemplari della stessa pianta, nella vicina Via Montanara, sono stati salvati allargando lo spazio verde a disposizione delle radici e garantendo la regolarità e funzionalità del marciapiede (vedi documentazione fotografica). Sarebbe bastato fare altrettanto, visti i risultati acquisiti.



Ora il Comune promette di sostituire quelle grandi piante di via Pasubio con altre, geneticamente progettate per restare confinate in piccoli spazi, non crescere e, quindi, non dare più fastidio nemmeno ai propri uffici. Domina ancora dilagante la logica che una pianta è equiparata ad un arredo urbano, né più né meno di una panchina: una volta messa al suo posto deve restare tale e quale, deve essere resistente e durare nel tempo, ma senza creare problemi di manutenzione. Leviamoci ogni futura scocciatura.


Via Montanara prima e dopo l'intervento di ripristino

Invece chi si occupa di amministrare la città deve sapere che il verde urbano, dalle piante più maestose ai ritagli di prato tra un posteggio e un passo carraio, è vivo ed interconnesso con noi e con la città, non è un sistema chiuso che si può mettere e togliere come mattoncini di un “lego”. È un organismo vivente diffuso capillarmente che richiede attenzione, cura e manutenzione, al quale bisogna dedicare risorse e tempo, per il quale ci si deve spendere senza esitazione nell’aiutarlo a sopravvivere e a crescere in una città che cambia più in fretta di quanto esso sia in grado di adattarsi da solo; per queste ragioni critichiamo che l’Amministrazione abbia nuovamente scelto l’opzione del taglio.
Soprattutto oggi, momento in cui ogni pianta è un valore assoluto da conservare e da crescere, perché non potremo più permetterci di aspettare altri vent’anni per riavere ciò che abbiamo perso.

Associazione WWF Lecco - Il Presidente Lello Bonelli
Circolo Legambiente Lecco - Il Presidente Laura Todde

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco