Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 147.454.676
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 22 dicembre 2021 alle 12:37

Aumenti energia e gas, Consorzio Adda: 'Situazione drammatica, aziende a rischio stop'

Il Consorzio Adda Energia, che rappresenta circa 300 aziende del territorio, "denuncia" una situazione che travalica la preoccupazione e sta velocemente virando verso il drammatico. I prezzi di energia elettrica e gas stanno infatti subendo rialzi giornalieri mai registrati prima, che con l’inizio del 2022 rischiano di diventare insostenibili per molte imprese.

Con riferimento all'energia elettrica ecco due esempi, con i valori di oggi sul mercato, per comprendere la gravità della situazione:
- Azienda media non energivora che consuma 1 GWh di energia elettrica (giga watt ora). Nel 2021 ha pagato 158 €/MWh per un totale annuo di 143.000 euro di spesa per l’energia elettrica. Nel 2022 pagherà l’energia 231 €/MWh per un totale di 210.000 euro l’anno: è un incremento del 46%.
- Azienda media energivora che consuma 3.3 GWh. Nel 2021 ha pagato l’energia 106 €/MWh per un totale annuo di 349.000 euro, nel 2022 pagherà 186 €/MWh per un totale annuo di 613.000 euro: è un aumento del 75%.



“La situazione è ormai insostenibile – dichiara Ambrogio Bonfanti, presidente del Consorzio Adda Energia di Api Lecco Sondrio –. Le aziende italiane rischiano di dover chiudere linee per i costi sconsiderati, nonostante i tantissimi ordini ricevuti. Le motivazioni che stanno dietro queste speculazioni non ci sono note, ma ne subiremo le conseguenze. Ora il Governo deve intervenire a tutela delle imprese, capiamo la necessità primaria di salvaguardare le famiglie e le fasce più deboli, ma con i prezzi attuali di energia e gas c’è il forte rischio che le piccole e medie aziende italiane chiudano linee e quindi taglino posti di lavoro. Inoltre, se non si interviene a difesa delle imprese, saremo costretti ad aumentare i prezzi dei nostri prodotti e quindi anche il consumatore finale ne risentirà nei futuri acquisti, anche quelli di prima necessità".


 
“Condivido l’allarme lanciato dal nostro Consorzio – spiega Enrico Vavassori, presidente Api Lecco Sondrio -, è una situazione drammatica, bisogna intervenire quanto prima a livello europeo per cercare di tutelare le nostre aziende. Una nazione come l'Italia, a vocazione manifatturiera, dovrebbe avere un programma energetico che la renda indipendente o quantomeno permetta di limitare gli effetti di situazioni ingovernabili come quelle in atto. Ad appesantire le forniture elettriche, inoltre, dal prossimo anno ci saranno anche i costi del nuovo meccanismo del mercato, ovvero il Capacity Market, che si tradurranno in oneri aggiuntivi addebitati in fattura per tutti i clienti finali. In un momento complesso come quello che stanno attraversando le aziende sarebbe stato meglio che l’Autorità per l’energia rinviasse l'entrata in vigore del nuovo sistema”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco