Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 147.456.117
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 02 gennaio 2022 alle 09:23

I calcoli dell'Istituto Superiore di Sanità

Anche stavolta ho scaricato l'ultimo bollettino ISS del 28 dicembre, e dopo aver rilevato che l'indice di letalità (tabella 1, ultima riga a destra in fondo) è sceso al 2.4% dal 2.5% (che significa che per ogni cento persone che si ammalano di Covid ne muoiono 2.4 ma che 97.6% guariscono) ho calcolato anche la percentuale dei morti, stavolta dalla tabella 5, ultima riga, decessi, perché trovo strano che non vengano più messe le percentuali, come se non volessero farci capire cosa stia succedendo. Infatti il calcolo non viene più presentato in mesi ma in giorni, adesso 120 per la precisione ( cioè su 4 mesi). VOGLIO PERO' PUNTUALIZZARE A COSA SI RIFERISCE LA TABELLA 5, COSI' CAPIAMO DI COSA STIAMO PARLANDO. QUESTA TABELLA RILEVA IL NUMERO DI CASI COVID-19, DIAGNOSTICATI,OSPEDALIZZATI,RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA E DECEDUTI, PER STATO VACCINALE E CLASSE DI ETA', NELLA POPOLAZIONE ITALIANA DI ETA'>= AI 12 ANNI, NEGLI ULTIMI 30 GIORNI. Il calcolo delle percentuali è abbastanza facile se ci si riferisce alla tabella 3 del bollettino del 24 novembre. Infatti per calcolare le percentuali basta sommare il totale della riga e dividerlo per il numero dei non vaccinati e dei vaccinati di ciascuna categoria. Per esempio nella tabella 3 i deceduti tra i non vaccinati sono 449 (44%) .Per ricavare la percentuale del 44% si divide 449 per 1020 che è il totale dei deceduti e si moltiplica x 100 449 / 1020 = 0.4401 x 100 = 44.01 44 per difetto. La percentuale dei deceduti non vaccinati è passata da 41.99% 42.64% mentre il totale dei decessi dei vaccinati è passato da 57.95% a 57.3% Passiamo ai calcoli : tabella 5 ultima riga in fondo decessi. 994 + 75 + 92 + 1.108 + 62 = 2.331: non vaccinati 994 / 2.331 x 100 = 42.64% ,vaccinati con ciclo incompleto 575 / 2.331 x 100 = 3.22%,vaccinati con ciclo completo da <120 giorni 92 / 2.331 x 100 = 3.95,con ciclo completo da > 120 giorni 1.108 / 2.331 x 100 = 47.5% con ciclo completo + dose aggiuntiva/booster 62 / 2.331 x 100 = 2.66 . Sommiamo le percentuali dei vaccinati: 3.22 + 3.95 + 47.5 + 2.66 = 57.3. Come gia detto i non"vaccinati" sono passati da 41.99% a 42.64% mentre i "vaccinati" da 57.95% a 57.3%. Bisogna tenere presente che questi bollettini vengono emessi settimanalmente. Però mi permetto di fare un'osservazione: anche cambiando il sistema di calcolo (da mesi a 150 giorni e poi a 120 giorni) che fa oscillare un poco le percentuali, i deceduti vaccinati sono costantemente più dei non vaccinati. Ci sono due fasce di vaccinati con ciclo completo > 120 giorni, che hanno avuto l'aumento maggiore, la fascia 60-79 anni, che sono passati da 196 decessi a 325, mentre la fascia a mio avviso più debole degli 80+, che è passata da 631 decessi a 757. Non ho osato mettere le percentuali perché mi sembrano assurde. COME HO GIA' DETTO, QUESTI SONO MIEI CALCOLI, E DI CONSEGUENZA, NON UFFICIALI.
Felice Antonio Vecchione - Movimento “Italia Insieme”
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco