• Sei il visitatore n° 164.926.769
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 18 febbraio 2022 alle 09:05

PAROLE CHE PARLANO/61

IL BALENO E LA BALENA

Etimologicamente, balena deriva dal termine latino balena, a sua volta collegabile al greco phalaina, con lo stesso significato di grosso cetaceo, ma stranamente anche di falena, la farfalla notturna che volteggia nelle ombre della sera attorno a luci e fiamme. Entrambe sono quindi accomunate dalla stessa radice greca, forse phaino, col significato di apparire, manifestarsi: attorno a un fuoco l'una, sopra il pelo dell'acqua l'altra.
Il baleno, che ovviamente non è il maschio della balena (e in questo periodo di linguaggio inclusivo è il caso di sottolinearlo), ci richiama invece la saetta nel cielo, il coloratissimo arco (baleno) che si manifesta dopo una pioggia e il verbo balenare che usiamo per un'improvvisa comparsa, che potrebbe anche essere un'idea repentina e fulminante.
Eppure, l'accostamento scherzoso del baleno ai giganteschi mammiferi acquatici probabilmente non è del tutto fuori luogo. Nel passato, una tendenza popolare definiva i fenomeni atmosferici con nomi di mostri, marini in particolare. Come è stato per una nebbia che arriva dal mare sulle coste siciliane, chiamata lupa di mare per via dei suoni lamentosi simili a ululati imputati a Scilla, uno dei due mostri dello Stretto; oppure i tifoni, che prendono il nome da Tifone, démone primordiale della tempesta.
Immaginiamo allora di osservare da una barca l'improvvisa comparsa di una megattera o di un capodoglio, rapidi e sguscianti: effettivamente emergono e scompaiono in un balenio di luci e di schiuma bianca.


Per rileggere le precedenti puntate della rubrica, clicca qui
Rubrica a cura di Dino Ticli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco