Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.345.173
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 10 maggio 2022 alle 10:25

All'adunata di Rimini... in bici: il 'viaggio' degli Alpini galbiatesi Graziano e Fabrizio

Anche a Rimini, il Gruppo ANA di Galbiate ha sfilato con i suoi... alpini "ciclisti". Tra le circa venti Penne Nere del paese che nel week-end appena trascorso hanno partecipato all'adunata nella celebre località romagnola c'erano infatti anche Graziano Mazzolini e Fabrizio Cesana, che hanno percorso tutta la strada per arrivare a destinazione in sella alla loro "due ruote".

Fabrizio Cesana e Graziano Mazzolini

Il loro viaggio sui pedali, per la verità, ha preso il via da Borgosatollo, paese in provincia di Brescia: è lì che i due galbiatesi si sono dati appuntamento con altri quattro amici all'alba di mercoledì scorso, per poi partire in direzione di Rimini seguiti da un furgone carico di bagagli e di un tavolo utilizzabile per i pranzi arrangiati "on the road", tra una tappa e l'altra. Per i due, comunque, raggiungere l'adunata nazionale degli Alpini in bici non è di certo una novità.

"Tutto è nato una decina di anni fa, dopo l'incontro casuale in Adamello con un mio compagno di naia" ci ha raccontato il signor Mazzolini. "La prima volta è stata per l'evento di Bergamo, dove per la cronaca siamo andati a piedi, così come in seguito a Trento e Piacenza; poi è stato il turno di Torino, Pordenone e Bolzano, tutte località che naturalmente abbiamo raggiunto in sella percorrendo strade secondarie, tra colline e litorali, anche per apprezzare i panorami offerti dalla nostra Italia e le bellezze di borghi e città. È stato così anche questa volta, per un altro viaggio che ci ha regalato grandi emozioni e che sicuramente ricorderemo a lungo".

Partiti appunto da Borgosatollo, nel primo giorno di "tour" Mazzolini e Cesana con i loro amici Alpini sono dapprima arrivati a Mantova, per poi costeggiare l'argine del Po fino alla foce e fermarsi per la notte in un agriturismo dopo almeno 140 chilometri di pedalata. A seguire, la meta finale del giovedì è stata Ferrara, città che hanno visitato in lungo e in largo per poi concedersi un'altra sosta e ripartire il venerdì in direzione di Rimini, non prima di aver superato Comacchio e le sue valli, nonchè Cesena, Cesenatico e tutto il litorale, con ulteriori 230 chilometri nelle gambe.

"Siamo arrivati a destinazione verso le 17.00 del 6 maggio, in perfetto orario per goderci anche la prima serata conviviale dell'adunata" ha proseguito Graziano Mazzolini. "Nel corso del fine settimana, poi, ci siamo ricongiunti con i nostri Alpini di Galbiate (tra cui anche il sindaco Piergiovanni Montanelli, ndr.), con cui domenica abbiamo partecipato alla sfilata. Ancora una volta non siamo rimasti delusi, anzi. Il viaggio ci ha regalato tantissimi scorci di autentica bellezza, panorami sorprendenti ed emozioni inattese. Il clima del raduno con le Penne Nere, poi, è stato come sempre caloroso e accogliente, secondo lo spirito dell'ANA".

Rientrati a Galbiate nella giornata di lunedì, Mazzolini e Cesana hanno già cominciato il conto alla rovescia per il prossimo anno, quando torneranno a inforcare la loro bicicletta per partire in direzione di Udine, città scelta per ospitare l'adunata 2023 delle Penne Nere. "Per arrivarci vorremmo attraversare anche le isole veneziane: un'ipotesi di itinerario c'è già, non ci resta che attendere il 2023" ha concluso l'Alpino.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco