Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.350.532
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 12 maggio 2022 alle 20:43

Calolzio, aggressione 'razziale': il PM chiede quattro condanne

Per la sentenza bisognerà attende ancora una settimana. Ma per la Procura tutti e quattro gli imputati sono da condannare. Il pubblico ministero Andrea Figoni, al netto dello sconto garantito per il rito – hanno optato tutti per l'abbreviato – ha chiesto una pena pari a 6 mesi per Marco Caremi (35 anni, avvocato Christian Malighetti), un anno e due mesi per Demis Bolis (42 anni, avvocato Maurizio Lanfranchi) e Roberto Sirianni (42 anni, avvocato Letizia Semeraro) nonchè e un anno e otto mesi per Carmine Sirianni (44 anni, stesso legale del fratello), gravato da una recidiva.
I quattro sono a processo per una supposta aggressione che si sarebbe consumata nel novembre del 2019 nei pressi della stazione ferroviaria di Calolzio. Minaccia aggravata dall’odio razziale, l'imputazione condivisa con i due Sirianni e Bolis imputati anche di violenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Carmine Sirianni e Bolis devono rispondere inoltre anche di lesioni aggravate.
Il processo di fatto si è celebrato sulle carte, con la sola audizione quest'oggi di un teste, citato da alcune delle difese, dopo che già alla scorsa udienza i fratelli Sirianni aveva rilasciato spontanee dichiarazioni per rigettare ogni addebito e Marco Caremi si era sottoposto a esame, rispondendo dunque alle domande delle parti per raccontare – dal suo punto di vista – quanto accaduto quel pomeriggio e dunque l'alterco che lo ha coinvolto in qualità di barista di uno dei locali al tempo “affacciati” sullo spiazzo della stazione, degenerato – parrebbe dal capo d'imputazione – fino dopo l'arrivo dei carabinieri.
Il 19 maggio la sentenza del collegio (presidente Paolo Salvatore, a latere Martina Beggio e Gianluca Piantadosi).
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco