• Sei il visitatore n° 163.992.461
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 19 maggio 2022 alle 13:08

Torna la rassegna 'I luoghi dell'Adda', da luglio un nuovo progetto

Raggiunge la 17^ edizione "I luoghi dell'Adda", la rassegna a cura di Teatro Invito che per quest'anno vede anche l'entrata dei Comuni di Lecco e di Villa d'Adda, insieme al ritorno di alcuni "storici" come Imbersago e Canonica d'Adda, per un totale di 12 amministrazioni e 14 spettacoli. L'iniziativa riacquista così un cospicuo volume di attività toccando le province di Bergamo e Lecco, in un cartellone costruito con la ferrea volontà di offrire ai cittadini occasioni di cultura.
ILDA è da sempre caratterizzata dalla collaborazione con le amministrazioni che offrono luoghi sconosciuti al grande pubblico, spazi suggestivi e particolarmente gradevoli per godersi uno spettacolo teatrale o musicale. Il ruolo di capofila è ancora del Comune di Robbiate, mentre gli altri che partecipano sono quelli di Airuno, Canonica d'Adda, Calolziocorte, Capriate San Gervasio, Imbersago, Lecco, Paderno d'Adda, Olginate, Fara Gera d’Adda, Verderio, Villa d'Adda. Da sottolineare anche l’importante sostegno economico del Parco Adda Nord e del bando Arti dal vivo, curato da Fondazione Comunitaria Lecchese insieme ad Acel Energie e Lario Reti, che hanno scelto di supportare l'iniziativa ritenendola meritevole per qualità, impegno e valore culturale.



La XVII edizione della rassegna teatrale dedicata ai suggestivi spazi dislocati lungo il corso dell'Adda cura sempre con attenzione la grafica promozionale: quest'anno l’immagine della manifestazione utilizza una foto del fiume con barche di sfondo (autore Alessio Volontè) a sottolineare lo stretto legame con il territorio e l’idea che il teatro sposi luoghi già molto evocativi, come se il programma si specchiasse nelle acque, rendendole ancor più brillanti.
La rassegna si conferma ricca e variata, e sarà composta da 14 appuntamenti: si partirà il 2 giugno all'ostello di Villa d'Adda, presso l'Adda Beach Village con lo spettacolo "In viaggio con i comici" di Teatro Invito/Gli equivochi, uno spassoso viaggio tra le maschere della Commedia dell'Arte; nello stesso fine settimana Verderio ospiterà a Villa Gallavresi Evoè Teatro con Giullarando, in cui un giullare/buffone racconta storie del popolo al popolo, dall’alto della sua tavola di legno. Storie antiche, contro il potere, contro i soprusi, le ingiustizie per denunciare e allo stesso tempo deridere il padrone; dalle ore 19.30 sarà possibile consumare un aperitivo "portatile" nel Parco, a cura di Punto Ristorazione (costo € 5 - prenotazione raccomandata); ci si sposterà poi a Cascina Maria di Paderno con "Oibò son morto" di e con Jacob Olesen e Giovanna Mori, due ottimi interpreti che sanno parlare della morte attraverso la risata, la manifestazione più umana della vita. Il primo weekend si concluderà a Imbersago con i giochi clowneschi di Tre maggiordomi e un bebè, maldestri e buffi apprendisti interpretati da Pantakin Teatro (Venezia).
Capriate ospiterà poi "Fagioli" di Teatri Soffiati (dalla fiaba Jack e il fagiolo magico) l'11 giugno alle 17.30: dopo lo spettacolo sarà possibile visitare il villaggio operaio di Crespi d'Adda (patrimonio Unesco) con le guide del Comune. Il 16 giugno sarà la volta di Lecco che vedrà animare il borgo di Pescarenico grazie a "Passeggiata con Otello" di Casa Shakespeare (Verona), affascinante percorso teatrale che trasformerà le acque dell'Adda nel mare di Cipro e di Venezia, seguendo le orme del moro (in caso di pioggia lo spettacolo si recupererà il 23 giugno). Il 17 giugno la rassegna si sposta al Monastero del Lavello di Calolzio per "Fole da osteria" di Teatro dell'Orsa (Reggio Emilia), musica che accompagna le parole indimenticabili dei racconti di Zavattini, Guareschi, Pederiali, Guerra, Benni, gustati a piccoli sorsi come il buon vino. Villa Sirtori di Olginate vedrà invece protagonista Aria Teatro (Trento) con "Boccaccesco", le più sapide e divertenti novelle di Boccaccio, in cui a colpi di arguzia, sensualità e riso le donne e gli uomini si sfidano, si ingannano e si amano.
A Fara Gera d'Adda, nell'Arena a fianco della bella Basilica Autarena, il 24 giugno si vedrà Coltelleria Einstein (Torino) e il loro "Nonnetti", uno spettacolo con poche parole, molta musica e movimento, con momenti di comicità e qualche venatura di malinconia, dalle 19.30 apertura straordinaria della Basilica; si prosegue il 25 giugno a Robbiate con l'anteprima di "Odissea dieci" di Diesis Teatrango (Firenze), in cui si narra del viaggio che porta Odisseo e i suoi compagni a lasciare la dimora di Eolo, re dei venti, per approdare nella terra dei Lestrigoni, i famelici giganti divoratori di uomini (aperitivo dalle 19 nel Parco di Villa Concordia - € 5 e prenotazione raccomandata).


Ancora, il 30 giugno a Canonica d'Adda, presso piazza Confraternita, si avrà l'occasione di vedere uno dei migliori narratori italiani, recentemente in scena con successo al Teatro Franco Parenti di Milano: Roberto Anglisani con "Il minotauro", in cui la storia del famoso labirinto si fonde con il mito di Icaro. L'ultimo fine settimana: il 1° luglio il secondo appuntamento a Verderio sarà con Teatro dell'Argine da Bologna e Sandro, racconto sulla figura del Presidente Pertini, in cui un’intera nazione si riconosceva; il 2 luglio Airuno e la splendida Corte di Giorgio nella frazione Aizurro accoglieranno la nuova co-produzione di Teatro Invito con la Compagnia Walter Broggini, "Lear e il suo matto", un dramma per attore e burattini in cui Re Lear è un attore in carne e ossa che dialoga con i suoi fantasmi scolpiti nel legno. Un attore dà vita a un sovrano shakespeariano che trae linfa dal teatro popolare, dalla farsa, dal balletto indemoniato delle teste di legno, colorando di humour gli aspetti più grotteschi della tragedia. Dalle ore 19.30 aperitivo in Corte, a Cura dell'Associazione Amici di Tino, prenotazione obbligatoria a € 5. Chiuderà la rassegna la seconda serata a Robbiate, domenica 3 luglio: Cada die teatro da Cagliari metterà in scena "Il respiro del vento", la storia del viaggio di Alizar che cercando la pioggia per il suo popolo perse sé stesso, e di Mounia che lo ritrovò, seguendo il suo respiro.
I luoghi dell’Adda 2022, insomma, sarà un continuo scorrere di storie per gli spettatori. Tranne le serate con aperitivo gli spettacoli sono a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata: si comincia sempre alle 21.15 tranne l'11 giugno alle ore 17.30 a Crespi e il 16 giugno a Lecco, ore 18.30. In tutti i casi sono previsti luoghi al coperto per il recupero degli spettacoli in caso di pioggia.
Per il pieghevole con tutti i dettagli CLICCA QUI.

Teatro Invito, inoltre, presenta un nuovo progetto dal titolo "A monte lo spettacolo!", con l'obiettivo di creare un’immaginaria linea di cammino che si sollevi da terra: ammirare la natura per apprezzare l'arte e per amare la cultura, in tante delle sue declinazioni; dal teatro alla letteratura, alla poesia, alla musica jazz e popolare, al racconto tradizionale, unendo la creatività alla storia dei luoghi e del territorio intorno a noi, che presenta una varietà orografica e paesaggistica strabiliante con fiume, lago, collina e montagna che si alternano armoniosamente e costituiscono la base per gite, escursioni e scampagnate. Inoltre, numerosi sono i segni di grande valore architettonico e storico del passaggio dell’uomo: luoghi magici e nascosti, affascinanti anche se non troppo rinomati.
Pur non essendo un territorio con una spiccata tradizione turistica, ultimamente il lecchese vede incrementare le iniziative, le offerte, le strutture ricettive. L'idea è quindi quella di arricchire questa ritrovata vocazione con un elemento che Teatro Invito ritiene fondamentale: quello culturale e artistico.



E così, insieme ai partner Taiko Lecco e AmbriaJazz - che curano le parti musicali e laboratoriali del progetto - ecco "A monte lo spettacolo!", una rassegna tra lago, mezza montagna e collina, un cartellone che da luglio a settembre offrirà spettacoli teatrali, anche itineranti, concerti in quota o nella natura, passeggiate, cacce al tesoro poetiche, performance notturne al chiaro di luna, visite guidate a castelli per riconnettersi all’ambiente e promuovere stili di vita sostenibili.
Molti sono gli enti che sostengono e partecipano al progetto, a testimonianza di una rete ricca animata da spirito di collaborazione: i Comuni di Abbadia Lariana, Dervio, Valvarrone e Varenna, le Pro Loco di Erve e Carenno, la Comunità Montana Val San Martino Lario Orientale, il Parco Monte Barro, l'Ecomuseo Valvarrone e la Cooperativa Eliante. Il progetto è biennale e avrà luogo nelle stagioni estive 2022 e 2023. In questa prima edizione ci sono tre appuntamenti in Valvarrone che formano l'evento "La valle viva": si parte il 3 luglio alla Chiesa di Bondo con "Tacabanda!", viaggio nella musica d’autore per cantare, ballare e fare festa insieme, a cura della band Post Office; il 30 luglio "Racconti in cantina", con Taiko e Teatro Invito, spettacolo itinerante tra le antiche cantine di pietra che verranno aperte straordinariamente per ospitare storie legate al principale abitatore delle cantine, il vino; un percorso a piedi tra le belle e intricate vie del borgo di Introzzo. Valvarrone chiude il 21 agosto con la Camminata teatrale da Tremenico al borgo fantasma di Fenile: un attore, un’attrice e un musicista narreranno storie di animali, evocando gli abitanti delle aie, delle stalle, delle cascine di pietra lungo cui si snoderà la passeggiata.
A monte lo spettacolo prosegue poi l'8 luglio ad Abbadia Lariana che ospiterà lo spettacolo/concerto "Dormono... sulle colline" all'interno del cimitero di Crebbio. Teatro degli Acerbi accompagnerà il pubblico in una narrazione lirica e popolare, con poesia e canti tra le lapidi, ispirata a Spoon river di Edgar Lee Masters nella versione musicale di Fabrizio De Andrè (dall'album Non all'amore nè al denaro nè al cielo). Posti limitati e prenotazione obbligatoria, tre turni: ore 18, ore 20 e ore 22. Il 16 luglio sarà Varenna ad accogliere il concerto "Taikobus" del gruppo Taiko Lecco, presso la zona imbarcadero alle ore 21, preceduto da parate-annuncio musicali per le stradine delle frazioni durante la giornata.
Il 23 luglio ci si sposterà a Carenno, località Colle di Sogno, per una performance itinerante con attori di Teatro Invito: "Caccia al tesoro poetico", in cui gli spettatori, provvisti di una mappa da seguire, si aggireranno per il bosco alla ricerca delle tappe letterarie "viventi". Arriviamo poi al 19 agosto in cui a Dervio, nell'arena sul lungolago, Teatro Invito metterà in scena "Pesche miracolose", testo originale di Luca Radaelli, un racconto sulla Resistenza vissuta da un ragazzo, proprio sulle sponde del nostro lago.
Il mese di settembre vedrà tre appuntamenti: il 3 a Erve, presso Villa Mercedes, "In viaggio con i comici", co-produzione Teatro Invito e Compagnia Gli Equivochi, che porterà gli spettatori in un viaggio tra le maschere della Commedia dell'Arte, tra frizzi, lazzi, scherzi e cenni di storia della maschera; il 10 sarà ancora la musica protagonista: il gruppo I giullari di spade si esibirà in un concerto nell'ambito della Notte dei Goti, un'esperienza di incontro con i suoni e gli strumenti antichi, ritmi incalzanti e melodie d'altri tempi per un percorso verso l'origine della musica ai Piani di Barra; sarà poi possibile cenare al Ristorante dell'Eremo del Monte Barro, su prenotazione. La rassegna 2022 si concluderà alla Villa De Ponti di Galbiate con Scarlattine Produzioni e lo spettacolo itinerante "Alberi maestri", un cammino d'incontro con il mondo vegetale, alla scoperta di alberi e piante.
Per il pieghevole con tutti i dettagli CLICCA QUI.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco