• Sei il visitatore n° 182.965.747
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 04 giugno 2022 alle 17:52

Calolzio: il 13 si parla dell'Hospice Il Nespolo con 'Dare vita ai giorni'

“Dare vita ai giorni, e non più giorni alla vita”, diceva Rita Levi Montalcini.
Questo è il tema di una serata a più voci che si svolgerà mercoledì 13 giugno alle ore 21 al Salone Volontari del Soccorso – Via G. Mazzini, 34, Calolziocorte, che riporterà esperienze e testimonianze riguardanti i vent’anni di attività dell’Hospice Il Nespolo di Airuno, costruito e gestito dall’Associazione Fabio Sassi.

L’Associazione Fabio Sassi ha desiderato organizzare questo momento di riflessione e di informazione, in collaborazione con la Pro-Loco di Calolziocorte, per valorizzare il percorso compiuto in questi anni sul fronte delle cure palliative e della vicinanza concreta alle persone che soffrono.
Nel corso della serata sarà sottolineata l’importanza che merita la legge 38/2010 sul diritto alle cure palliative da parte di tutti coloro che soffrono per mali non più guaribili, ma tuttavia sempre “curabili”.
Proprio a questo proposito interverrà il dottor Angelo Giovanni Virtuani, già direttore sanitario dell’Hospice Il Nespolo, di Daniele Lorenzet, già volontario in assistenza e attuale Presidente dell’Associazione Fabio Sassi, e di Katia Banci, figlia di un paziente ricoverato in Hospice.
Don Venanzio Viganò, cappellano dell’Hospice Il Nespolo, si soffermerà sull’etica di fine vita e sulla necessità di un accompagnamento spirituale del malato.
L’incontro sarà guidato dalla giornalista Barbara Garavaglia, direttore responsabile del notiziario Fabio Sassi Informa, organo di stampa dell’associazione Fabio Sassi Onlus.
L’Associazione Fabio Sassi Onlus (ora ODV) è stata fondata l’11 maggio 1989, voluta dal dottor Mauro Marinari e dai famigliari e amici di Fabio Sassi, giovane commercialista meratese che era stato assistito dall’équipe di cure palliative guidata appunto dal Dottor Marinari, per poter garantire ad altri malati terminali la cura e il sostegno che il giovane aveva ricevuto. Attualmente si avvale della collaborazione di 188 volontari.
L’Hospice Il Nespolo, voluto dall’Associazione nella seconda metà degli anni ’90 per poter ricoverare le persone fragili e con aspettativa di vita infausta che non potessero essere curate a casa, ha ricevuto la prima paziente nell’ottobre del 2002. Da allora sono passati da Il Nespolo più di 5 mila pazienti.
Situato sotto la Chiesa parrocchiale in centro paese ad Airuno, Il Nespolo occupa l’antica canonica opportunamente ristrutturata, oltre ad altre costruzioni adiacenti per poter far fronte alle esigenze della struttura sanitaria. E’ dotato di 12 stanze singole con bagno indipendente. Due di esse sono anche dotate di un vano “cucina”. In tutte è presente una poltrona letto per chi volesse essere vicino al paziente durante la notte.
In esso opera una équipe multi disciplinare costituita da medici, infermieri, oss, psicologa, assistente sociale, nonché da molti volontari che operano in accoglienza e in assistenza per supportare i pazienti ricoverati e i loro famigliari.
Durante il periodo del lockdown l’Hospice è sempre stato aperto anche ai famigliari e non ha registrato nemmeno un caso di covid-19.
E’ recente la notizia che l’Associazione Fabio Sassi riceverà il prossimo 29 maggio la menzione speciale Rosa Camuna.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco