• Sei il visitatore n° 189.290.260
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 20 ottobre 2022 alle 09:59

BMX: si chiude il circuito italiano, 6° posto per il Bicimania Garlate

Il circuito italiano BMX è giunto al suo epilogo nel week-end appena trascorso sulla pista di Verona con una gara organizzata dal team 48erre di Rivignano (UD). Un finale frizzante, a tratti "drammatico", con 445 rider a contendersi la vittoria. Il Bicimania Quota 20 Garlate ha partecipato con un numero significativo di atleti (una trentina sia sabato che domenica) e ha conquistato il sesto posto nella classifica finale generale a squadre e il quinto in quella dei giovanissimi.
La giornata di sabato è stata molto positiva per i colori lecchesi con 6 rider in finale A e 4 in finale B, oltre a una vittoria di categoria ad opera del G5 Tommaso Bravi. Tuttavia ha avuto un finale spiacevole per la squadra con la pericolosa caduta di Marco Radaelli mentre era lanciato a tutta velocità lungo la prima linea Pro della pista: l'atleta è rovinato a terra picchiando violentemente il casco e ha tenuto il pubblico con il fiato sospeso per qualche minuto; è stato portato in ospedale per accertamenti e, per fortuna, tutti gli esami hanno escluso qualsiasi complicanza, tanto che la domenica lo si è visto fra il pubblico, dolorante ma "intero".



Gli altri ciclisti che hanno corso la finale A nella prima giornata sono stati Achille Sancassani (G2), che è arrivato settimo anche perché coinvolto in una caduta, Martino Caslini (G6) che ha conquistato un ottimo terzo posto, Lorenzo Mazzoleni (G5) sesto e Alessandro Valsecchi (cruiser fino a 39 anni) ottavo. In finale B ha spiccato il primo posto di Leonardo Martis (G1), poi il quarto di Davide Gatti (G2), il quinto di Matteo Raccagni (G5) e il quarto del combattivo Simone Carenini (master 17 – 24 anni).
Nella giornata conclusiva, i garlatesi sono stati meno brillanti con tre finali A e sei B. Il migliore è stato Martino Caslini, che ha bissato il terzo posto di sabato, mentre Achille Sancassani settimo e Tommaso Bravi, caduto in finale, è giunto ottavo. In finale B, Simone Carenini li ha messi tutti "in fila", da citare poi Leonardo Martis secondo, Matteo Raccagni terzo, Davide Gatti quinto, Gabriele Cattaneo (G2) settimo e Matteo Bravi (allievo) ottavo.
Doverosa una menzione anche per Massimiliano Colombo (cruiser 40 e over), che nel weekend è arrivato quinto in semi, ad un passo dalla finale A. Domenica ha fatto sognare i suoi tifosi mettendosi dietro tutti gli avversari fino alla terza linea, quando ha dovuto cedere “per limiti di età” ai rider più giovani di lui.


Alessandro Valsecchi

Domenica sono stati ammessi alla gara anche gli apripista (quasi sessanta) fra cui anche i garlatesi Alessandro Castelnuovo, Amelia Radaelli e Matteo Simone. Leonardo Martis (7 anni - G1) le ha disputate tutte e quasi sempre è arrivato in finale A. Davide Gatti (G2) è stato il migliore dei suoi fra i bambini di otto anni, seguito a ruota da Gabriele Cattaneo, entrambi con ampi margini di miglioramento. Subito dietro ecco Achille Sancassani, che è andato in crescendo ed è diventato un avversario temibile per tutti nel finale di campionato. Diego Casiraghi e Sebastian Laddaga si sono classificati ventiduesimi e ventitreesimo, ma sempre correndo al massimo. Pietro Tavola ha cominciato l’anno da apripista, ma da quando è passato fra gli agonisti non ne ha persa una.
Fra i G3 (9 anni), un plauso merita Logan Brioschi Pistoia che ha partecipato a tutti i week-end di gara ed è stato classificato al ventiquattresimo posto. Anche Nicolò Manzoni e Gabriele Gamba hanno cominciato da apripista e successivamente hanno corso con i rider più esperti.


Martino Caslini

Sempre presente e combattivo anche la "pulce" Francesco Caslini (G4). Il cugino Sebastiano Canziani ha sempre corso finché un serio infortunio domestico lo ha purtroppo allontanato dalla bicicletta. Alessandro Brini, infine, ha mostrato una certa grinta e capacità in gara. Nella categoria G5 (undici anni) Tommaso Bravi è riuscito a riconquistare il titolo di campione del circuito italiano vincendo sei gare su dieci. Ha ambizioni molto elevate, motivo per cui, nonostante la vittoria, sa che dovrà migliorare molto in tecnica e agilità per raggiungere traguardi più prestigiosi. Matteo Raccagni ha concluso in classifica all’undicesimo posto e durante tutta la stagione ha cercato di migliorarsi. Molto bello il secondo posto conquistato a Vigevano. Lorenzo Mazzoleni ha, per sua scelta, disputato solo quattro gare su dieci. Con la media punti che ha ottenuto, sarebbe potuto arrivare quarto in classifica. Stefano Crippa è stato un altro assiduo frequentatore, con alterni risultati ma comunque sempre “sul pezzo”.


Giorgio Valsecchi

Martino Caslini (G6) ha sempre gareggiato e ha ottenuto ottimi risultati con sette podi: è giunto secondo di categoria dietro a un rider di caratura mondiale; gli manca solo la vittoria, che prima o poi arriverà per quanto si impegna in allenamento e per quanta voglia ha di primeggiare. Aronne Tami con sei gare disputate è arrivato ottavo di categoria. Riccardo Cornaggia le ha corse tutte, senza mai riuscire a superare le manche di qualificazione. Era al primo anno di competizione, può solo migliorare.
La "carrellata" si conclude con Carlo Colombo (quattro gare), Pietro Alberton (tre) e Giacomo Zangani (due). I rider garlatesi “esordienti” (13 – 14 anni) sono stati molto più numerosi rispetto agli anni passati, ed è un trend in linea con quello generale di questa categoria che sfata un po’ il mito che all’avanzare dell’età tanti rider si perdono per strada. Innanzitutto la novità per Bicimania Garlate è stata la presenza di due ragazze: Elisa Magni, assidua frequentatrice dei campi di gara, e Martina Baroncelli che ha corso la tappa inaugurale. Fra i maschi il migliore è stato Alex Gilardi, tredicenne, che è arrivato ventiquattresimo. Fra i pari età si sarebbe piazzato nei primi dieci. Davide Cattaneo ha disputato tutte le gare con risultati altalenanti. Giorgio Valsecchi è uno "scricciolo" e già in partenza non può avere chance con avversari che arrivano ad essere il doppio di lui, ma la BMX è la sua grande passione e ha sempre il sorriso sulle labbra.
Daniele Biffi, da tempo nel team, nel 2022 si è presentato al cancelletto in cinque occasioni, ma è mancato un po’ nella parte finale della stagione. Jarno Roveda, al primo anno di gare (non è affatto semplice debuttare a 13 anni) ha fatto esperienza disputando tre prove, anche se non ha potuto correre la quarta (questa domenica) per un infortunio. Infine Massimiliano Villa e Francesco Negri, con due gare a testa.


Marco Radaelli

Pochi, al contrario, gli “allievi” (15 – 16 anni) del team e tutti quindicenni. Matteo Bravi si è presentato a tutte le gare e ha concluso la stagione al nono posto. Miglior risultato il terzo a Vigevano. Leonardo Scarpa ha partecipato a sei appuntamenti ed è apparso più in forma sul finale. Purtroppo solo una gara per Emanuele Basso (molto bravo tecnicamente).
Debutto fra i “master 17 – 24 anni” per Simone Carenini e Giovanni Caslini. Il primo all’inizio è rimasto un po’ spiazzato dalla competitività della categoria, ma nel corso della stagione si è dimostrato all’altezza della situazione ed è giunto decimo; il secondo può migliorare nella tecnica e nella mentalità, ma entrambi hanno disputato tutte le gare. Fra gli “elite”, ragazzi con più di 19 anni, Marco Radaelli ha debuttato contro corridori abituati da anni a correre sulle piste supercross e ha concluso al terzo posto disputando otto prove su dieci.


Elisa Magni

Per quanto riguarda le categorie Cruiser (bici con ruote più grandi, da 24”), fra gli “under 39” i fratelli Alessandro (15 anni) e Giorgio Valsecchi (13) si sono ben distinti. In particolare il primo, all'esordio nelle gare, ha concluso al settimo posto, mentre Giorgio, che ha saltato la prima doppia trasferta, si è classificato decimo. Nei “40 e over” il migliore del Team Bicimania è stato Oscar Tami, quinto. Peccato solo per la mancata partecipazione all’ultimo weekend di gara, ma ha sempre onorato la maglia con il massimo impegno. Massimiliano Colombo ha gareggiato poco (quattro volte), ma si è sempre distinto conquistando due sesti e due noni posti con condotte abbastanza "spericolate".
"Archiviamo così un altro anno di gare, di impegni, di fatica e di soddisfazioni per i componenti del Team Bicimania Quota 20 Garlate" commentano dallo staff. "Grazie a tutti gli sponsor che ci hanno supportato, ai nostri Coach e a chi ci ha volontariamente aiutato. I risultati sono importanti, certamente, ma più di quelli contano l’impegno e la partecipazione. Anche chi non vince, ma si impegna, da noi gode del massimo rispetto. Un ringraziamento anche al Sindaco Giuseppe Conti e all’Amministrazione Comunale di Garlate che dimostra sempre vicinanza al Team".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco