• Sei il visitatore n° 174.515.321
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 19 aprile 2015 alle 19:35

Lecco: 127 atleti al memorial di mountain bike Patrizia Mapelli

La Mountain Bike che conta è arrivata in quel di Lecco grazie alla manifestazione organizzata dal TRT - Testa Racing Team - intitolata alla moglie del presidente Ivan Testa, scomparsa nel dicembre 2011 a causa di un male incurabile.

A sinistra Anna Mei

Giunto alla quarta edizione, il "memorial Patrizia Mapelli", gara ciclistica inserita come terza tappa nell'importante circuito Master Cicli Pozzi, ha visto quest'oggi 127 iscritti appertenenti a 51 società diverse. I bikers si sono confrontati lungo le vie e i boschi di Lecco: da Rancio a Santo Stefano, il percorso era per veri "scalatori da rampichino", ma nonostante le diverse difficoltà delle salite lecchesi i partecipanti sono stati numerosi e l'organizzazione lungo il percorso impeccabile.


I fratelli Ivan e Luca Testa, del TestaRacingTeam, si sono detti soddisfatti dell'evento sotto tutti gli aspetti. Anche per la cura di ogni dettaglio, la gara ciclistica è ufficilmente divenuta uno dei più importanti appuntamenti della zona, attirando atleti dall'intera regione. Alle premiazioni, ha preso parte anche Anna Mei, recordwoman e incredibile atleta, orgoglio femminile italiano. Nel 2013 ha stabilito il record mondiale 24 ore su pista, uno tra i tanti che dal 2010 ormai, l'atleta ha centrato. Sarà quest'anno però che l'attenderà la sua più grande sfida: il 10 ottobre a Montichiari dovrà percorrere 1.000 km su pista nel minor tempo possibile. Un record mai tentato da una donna, che richiede un allenamento rigoroso e costante.


Anna, insegnante di scienze motorie e sportive della Santo Stefano, scuola lecchese, ha il merito di dare una valenza benefica ad ogni evento a cui partecipa. Da anni infatti aiuta i bambini affetti da epidermiolisi bollosa, attraverso raccolte fondi ma soprattutto grazie alla notorietà derivata dalle numerose vittorie: "prima di tutto vinco per loro, per i bambini affetti da questa terribile malattia. Naturalmente gli sponsor sono fondamentali per la mia carriera, e per questo vengono citati durante le mie corse, ma ho scelto di non riportarne nessuno sui miei vestiti".


L'Ultracycler Anna Mei, non ha sponsor su nessuna delle sue divise, ed è tesserata per una società amatoriale chiamata Sportnelcuore, che la sostiene nelle sue iniziative solidali. I bambini farfalla, ossia i piccoli affetti da EB, sono una delle motivazioni principali per cui Anna coltiva la sua passione ciclistica. Per questo è stato chiesto agli organizzatori dell'evento di devolvere il ricavato della corsa a DEBRA sudtirol Onlus, associazione fondata nel 2004 per sostenere i malati di EB e le loro famiglie. Inoltre, è stata indetta una raccolta fondi durante le premiazioni, con lo stesso intento: donare aiuto finanziario alle molte "farfalle" che soffrono.


Tornando ai risultati della gara, sono state premiate ben 9 categorie: Junior, Senior, Veterani, Gentlemen, SupergentlemenA, SupergentlemenB, Woman unica, Debuttanti maschile e Primavera maschile. Tre trofei sono stati assegnati invece alle tre società più vincenti della giornata, rispettivamente ASD TEAM SPREAFICO VELOPLUS, ASD S.C. TRIANGOLO LARIANO e 2X2 MTB TEAM BRENNA.


Durante la manifestazione sportiva si è registrata la presenza dei volontari del soccorso, risultata preziosa viste le insidie celate dal tracciato. In un punto particolarmente critico, un atleta ha infatti riportato una ferita a seguito di una brutta caduta.


Subito i volontari sono entrati in azione trasportando l'infortunato all'ospedale Manzoni, fortunatamente in condizioni non gravi.
M.Mi.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco