• Sei il visitatore n° 174.079.236
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 01 luglio 2015 alle 15:46

Civate: al via lo sfalcio delle alghe con il battello spazzino, accordo tra cinque paesi

Ha preso il via nella mattinata di ieri, martedì 30 giugno, l’azione del “battello spazzino” nelle acque del lago di Annone, lungo le sponde civatesi. Il macchinario, che è stato messo in moto per dare il via alla ripulitura delle acque dalle alghe, non ha mancato di destare curiosità tra le persone che hanno cercato un po’ di refrigerio (o di sole) nell’area dell’ex campeggio Mexico.

Il ''battello spazzino''

La situaizone vicino alla riva

Le piante acquatiche nel corso del loro proliferazione hanno portato alla creazione di uno strato verde superficiale nelle vicinanze delle rive. Un fenomeno che con l’arrivo del grande caldo in questi giorni può dare luogo a sgraditi odori, ma non solo. Il pericolo maggiore per l’ecosistema naturale dello specchio d’acqua, se le piante proliferano eccessivamente, è infatti quello dell'eutrofizzazione, cioè una sovrabbondanza di nitrati e solfati.

Il battello spazzino è giunto sul lago a fine maggio, tenuto al sicuro in un deposito privato di Civate. Ieri è entrato in azione, e per diverse settimane sarà all’opera in base ad un crono-programma stabilito dall’Autorità di Bacino del Lario e Laghi Minori.
L’ente è capofila nella convenzione sottoscritta quest’anno con i comuni di Annone di Brianza, Civate, Galbiate, Oggiono e Suello. Al “protocollo di intesa per l’attuazione del progetto di controllo della vegetazione acquatica del lago di Annone” hanno aderito le singole amministrazioni, che contribuiranno alla spesa (prevista in 35.000 € per il primo anno di attuazione, 20.000 € per il secondo) con un impegno di 2.000 € all’anno, mentre l’Autorità di Bacino finanzierà l’intervento con 21.000 € totali e la Provincia di Lecco con 14.000 € per la prima annualità.

Il protocollo di intesa nasce da uno studio sulla vegetazione acquatica promosso dall’idrobiologo Alberto Negri, finalizzato al miglioramento delle condizioni idrodinamiche del lago e alla creazione di accessi al canneto per favorire la riproduzione ittica.

Ninfee vicino alla riva

Sono passati quasi due anni dalla redazione dello studio, e il progetto che sarà promosso con la sottoscrizione del protocollo di intesa permetterà il taglio e la manutenzione programmata dei canneti e delle castagnole, a tutto vantaggio dell’ossigenazione dell’acqua e del miglioramento dell’ambiente dei laghi di Pusiano e Annone.
R.R.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco